Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

“Stop alle sigarette abbandonate in spiaggia”. A Bari, dal lido pubblico di Pane e pomodoro, continuano le iniziative di sensibilizzazione nei confronti dei bagnanti e dei turisti. Questa mattina l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli e il team di bagnini “All Service” hanno promosso una mattinata per informare sui danni dell’inquinamento di cicche di sigarette sulla costa.

Attraverso la distribuzione di decine di portacenere portatili: “Così evitiamo di assistere alla pessima abitudine di sporcare la sabbia. Non vogliamo una distesa di nicotina”, commentano i bagnini che nei prossimi giorni porteranno l’iniziativa anche a San Girolamo.

Il tempo di decomposizione di una cicca è di circa 2 anni, un danno ecologico che va avanti da decenni senza soluzione. “L’unico rimedio è cambiare le nostre abitudini e soprattutto smettere di farci del male fumando. Io ho smesso da due anni e sto meglio”, uno dei messaggi lanciati da Petruzzelli.

C’è chi tra i bagnanti ha proposto perfino il divieto di fumare nei lidi pubblici. Una scelta forte, e forse difficile da far rispettare, ma che recentemente è stata intrapresa da alcune città: Ravenna e Rimini, passando da Sassari e Lampedusa ma anche in Puglia a Manduria e Porto Cesario. Alcuni lidi attrezzati privati hanno predisposto apposite aree per i tabagisti lontano da ombrelloni e aree gioco.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui