aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

La giunta ha approvato ieri il progetto preliminare per la riqualificazione complessiva di piazza Magrini, a Palese, con un intervento di traffic calming e riduzione della velocità a 30 km/h, in corrispondenza dello spazio pubblico, tramite l’innalzamento della pavimentazione stradale alla stessa quota di quella di circolazione dei pedoni.

Si tratta, infatti, di un progetto di pedonalizzazione che consentirà di sistemare anche le aree pedonali e carrabili circostanti in modo tale che i residenti possano vivere appieno la piazza antistante la chiesa san Michele Arcangelo. L’area sarà riqualificata anche grazie a un accordo con la Diocesi, proprietaria di circa un quarto dell’area, attraverso una serie di lavori concordati che rispondono a un disegno architettonico unitario.

Nello specifico il tratto di carreggiata di corso Vittorio Emanuele tra vico IV Vittorio Emanuele e vico II Vittorio Emanuele, la parte finale (secondo il senso di marcia) di via Cesare Battisti e il tratto adiacente piazza Magrini di via Monte San Michele saranno sopraelevati fino a raggiungere il livello della piazza esistente e raccordati alla viabilità esistente, non interessata dall’intervento, mediante rampe opportunamente dimensionate. La sopraelevazione stradale e la piazza saranno realizzati in masselli autobloccanti con colorazione diversa a seconda dell’utilizzo (chiara per le aree pedonali, antracite per le aree carrabili).

Il progetto prevede la piantumazione di alberi e cespugli con l’installazione del relativo impianto di irrigazione, il montaggio di nuovi arredi urbani – panchine, cestini, fioriere, portabiciclette, griglie per alberi e dissuasori parapedonali – e la realizzazione di un nuovo impianto di videosorveglianza, con quattro telecamere, e uno di pubblica illuminazione secondo gli attuali standard adottati nelle operazioni di riqualificazione degli spazi pubblici della città.

I lavori saranno completati dalla fornitura e posa in opera di un impianto di smaltimento delle acque meteoriche che convoglierà le acque piovane delle strade e della piazza per recapitarle nell’impianto di trattamento: una volta trattate, le acque saranno in parte accumulate in vasca di accumulo per fini irrigui e, in parte, immesse in falda mediante due pozzi disperdenti da realizzarsi al di sotto della piazza stessa.

“Il progetto è già inserito nel Piano triennale delle opere pubbliche – sottolinea Giuseppe Galasso – e il nostro obiettivo è quello di riuscire ad inaugurare effettivamente il cantiere entro il 2022. Piazza Magrini è un luogo di aggregazione molto frequentato da famiglie e ragazzi del quartiere che, grazie a questo intervento, diventerà pienamente accessibile anche alle persone con disabilità”. L’importo complessivo dei lavori ammonta a 650mila euro.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui