lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it
acquapertutti-aqp

Le associazioni dei soci della Banca Popolare di Bari rappresentano -con soddisfazione- l’avvenuto deposito e presentazione dell’emendamento alla legge di bilancio 2022, con il quale si intende dare definitiva soluzione all’annosa vicenda dei ristori economici dei soci della Popolare di Bari.

“L’interlocuzione intrattenuta in questi giorni con tutte le forze politiche parlamentari, ha visto il senatore Dario Damiani (capogruppo FI commissione bilancio) accogliere l’appello delle associazioni – si legge in una nota – e quindi presentare l’emendamento approntato dal Comitato Indipendente Soci BPB e da AssoAzionistiBPBari. Un emendamento che -si ricorda- prevede la costituzione di un fondo presso il MEF, alimentato con le risorse annualmente acquisite dallo Stato dai fondi dormienti delle varie banche italiane. E poi il pagamento ai soci di 5 euro ad azione (il 50% del valore azionario prima della sottoposizione della banca alla procedura di amministrazione straordinaria), a fronte peraltro della rinunzia al contenzioso presente e futuro e a fronte della rinunzia ai titoli azionari BPB, che verranno ceduti gratuitamente allo Stato attraverso MedioCreditoCentrale”.

“Siamo assolutamente ed estremamente grati al Sen.Dario Damiani e a Forza Italia per la straordinaria sensibilitá dimostrata alla problematica e per il pronto accoglimento dell’emendamento da noi proposto. E siamo soprattutto molto grati – si legge in una nota –  della “segnalazione” dell’emendamento, che comporta l’interesse concreto di Forza Italia all’approvazione effettiva della norma salva soci BPB. Chiediamo quindi che anche le.altre forze politiche vogliano ora sostenerci e dimostrare di avere realmente a cuore le vicende di 70.000 famiglie, molte delle quali hanno perso tutti i loro risparmi nella BPB”.

“Chiediamo pertanto a tutte le altre forze politiche – conclude la nota –  di votare a favore dell’emendamento in commissione e poi in aula, ricordando che lo Stato oggi è diventato pressochè unico proprietario di BPB, acquisendone pertanto il rilevante patrimonio immobiliare, le filiali, le partecipazioni sociali anche in altre banche e ulteriori attivi patrimoniali e finanziari. Doveroso è il ristoro del danno subito dai 70.000 incolpevoli soci BPB che hanno visto prima distruggere la loro Banca; poi acquisirla dallo Stato. La vicenda BPB si distingue nettamente da altre storie bancarie finite male e pertanto ci auguriamo che lo Stato e tutte le Forze Politiche parlamentari la risolvano diversamente, dimostrando nei fatti l’attenzione alle problematiche del Sud del Paese”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui