aqp.it
lapugliativaccina.regione.puglia.it

A partire da domani sarà obbligatorio esibire il green pass base dal parrucchiere, dal barbiere e nei centri estetici. Dal primo febbraio scatterà lo stesso obbligo per negozi e uffici.

Si tratta delle nuove regole previste dal decreto entrato in vigore lo scorso 7 gennaio, secondo il quale all’ingresso di parrucchieri, barbieri e centri estetici i clienti dovranno esibire il green pass base, dunque sia quello che si ottiene con il tampone, sia quello da vaccinazione o guarigione.

A partire dal primo febbraio l’obbligo sarà esteso ai Pubblici uffici, servizi postali, bancari e finaziari, fatta eccezione per i cittadini che dovranno presentare una denuncia o chi dovrà partecipare a un processo in tribunale. Sempre a partire dalla stessa data, scatterà l’obbligo anche per altri negozi. Nelle prossime ore infatti il presidente del Consiglio Mario Draghi firmerà il Dpcm che contiene l’elenco esatto degli esercizi commerciali esentati.

Al momento la certificazione non servirà per acquistare generi alimentari, sia nei negozi al dettaglio, sia nei supermercati, anche per animali. Nell’elenco sono previsti anche negozi che vendono surgelati, le pescherie, le bevande e i rappresentanti di ittica. Anche per i mercati rionali non sarà previsto l’obbligo di green pass, lo stesso per l’acquisto di medicinali e i prodotti per la cura del corpo. Diverso per i negozi di cosmetica, per i quali sarà invece necessario esibire il green pass.

Esenti dall’obbligo anche parafarmacie e negozi che vengono prodotti igienico sanitari, compresi deodoranti, bagno schiuma e shampoo e, infine ottici ed edicole all’aperto (mentre servirà per i negozi che vendono giornali o le librerie). Il green pass non è previsto neanche per acquistare carburante, sia per le auto, sia per il riscaldamento della casa, tra cui legna, liquidi o alimentazione per le stufe.

Si attende conferma, nelle prossime ore, sull’obbligo di esibire il green pass base dal tabaccaio. Questione di cui si sta dibattendo poiché potrebbe rientrare nella lista degli esercizi commerciali che vendono prodotti essenziali per la cura della persona.

Foto repertorio


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui