aqp.it
lapugliativaccina.regione.puglia.it

In occasione della ricorrenza annuale del Giorno della Memoria, istituita con la legge 20 luglio 2000, n. 211, si è svolto oggi nell’Aula del Consiglio regionale della Puglia un seminario dal titolo “Dai campi di sterminio ai campi di accoglienza in Puglia – Memoria di Miriam Moskowitz”, promosso dalla Prefettura U.T.G. di Bari e dal Consiglio regionale della Puglia, con la collaborazione dell’Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea (IPSAIC) e dell’Associazione Treno della Memoria.

Nel corso della cerimonia sono state consegnate dal Prefetto di Bari, Antonia Bellomo, sei Medaglie d’Onore alla memoria, concesse con decreto del Presidente della Repubblica ai familiari dei cittadini italiani, militari e civili deportati ed internati nei lager nazisti, alla presenza dei Sindaci dei Comuni degli insigniti. Si tratta di: Sig. Clarizio Giuseppe , militare, classe 1923, internato dal 1943 al 1945 in Stalag supposto B – presso Krems Gneixerdof; Sig. Digesù Eustacchio, militare, classe 1911, internato dal 1943 al 1945 in Germania; Sig. Donvito Gaetano, militare, classe 1919, internato dal 1943 al 1945  in Thorn – Polonia; Sig. Russo Pasquale, militare, classe 1913, internato nel Campo II a Neubrandeburg; Sig. Telesca Francesco, miliatere, classe 1908, internato dal 1944 al 1945 in Dachau.

Momento culminante della celebrazione è stata la narrazione della vita di Miriam Moskowitz, ebrea polacca sfuggita ai campi di sterminio e accolta nei campi profughi in Puglia la cui testimonianza diretta è stata proiettata in aula attraverso un breve filmato realizzato prima della sua morte. Parte della iniziativa è stata trasmessa durante la diretta social della manifestazione nazionale organizzata dall’associazione Treno della Memoria, che ha visto il coinvolgimento di studenti da tutta Italia.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui