lapugliativaccina.regione.puglia.it

Il calcio balilla è considerato un gioco d’azzardo. E’ quanto prevede la determina direttoriale dell’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli che, nel tentativo di riordinare il settore dei giochi senza vincita in denaro ha di fatto paragonato il gioco simbolo dell’estate – in spiaggia e nei circoli ricreativi – alle slot machine.

La determina 151294/RU del 18 maggio 2021 prevede che vengono sottoposti a certificazione onerosa giochi come i calciobalilla, carambole, biliardi, flipper, freccette e dondolanti per bambini senza vincita, come le video-lottery e AWP o slot dei bar. In altre parole paragona i giochi senza vincita di denaro (il calcio-balilla) a quelli che la prevedono. Un’equiparazione che comporta una serie di incombenze per i gestori (e anche per produttori e importatori). E non di poco conto.

L’Agenzia, nel riepilogare il quadro autorizzatorio vigente, ha confermato che gli apparecchi senza vincite in denaro e utilizzati gratuitamente, devono essere comunque: sottoposti ad omologa/certificazione, muniti di titoli autorizzatori,  soggetti al pagamento dell’Imposta sugli intrattenimenti (ISI). La senatrice Paola Binetti ha presentato un’interrogazione con la quale chiede al ministro dell’Economia e delle Finanze “di cambiare le regole” perchè – si legge – con questa norma invece di colpire il gioco d’azzardo o il gioco illegale si va a colpire il gioco di puro intrattenimento, disincentivando ulteriormente questa attività ludica, sana e di aggregazione sia per i giovani che per i meno giovani; e di conseguenza si vanno a colpire migliaia di attività che si vedranno costrette ad abbandonare questo settore”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui