lapugliativaccina.regione.puglia.it
dona-il-sangue-regione-puglia-it

Continuano i momenti di una lunga festa patronale della Comunità Parrocchiale San Nicola in Torre a Mare. Questa sera, 5 Agosto, alle ore 20.45 nel giardino dell’Oratorio Parrocchiale sarà portato in scena “Stoc ddo” un’opera teatrale di e con Sara Bevilaqua dedicata alla figura di Michele Fazio. Era il 12 luglio 2001, all’apparenza un giorno come tanti tra i vicoli di Bari vecchia. Vicoli dimenticati, temuti, malfamati, ma abitati da tanta gente perbene.

Michele tornava a casa dopo una giornata di lavoro come barista. Il papà, di professione ferroviere, aveva ordinato le pizze per tutti e Michele, come ogni sera, usò il telefonino regalatogli dai genitori per avvisare che stava rincasando. Mancavano poco più di 20 minuti alle 23 quando tutta la famiglia udì gli spari in strada. Nessuno mosse un dito, tranne la sorella più piccola, Rachele, che sbirciò dalla finestra e vide il corpo del fratello Michele esanime per terra sotto casa. Il 16enne venne raggiunto da un proiettile vagante che lo colpì mortalmente alla nuca. Lungo quel tragitto, percorso abitualmente, alcuni esponenti del clan Capriati, ragazzi poco più grandi di Michele, avevano deciso di vendicare l’uccisione di Francesco Capriati, assassinato due settimane prima, colpendo un esponente a caso del clan Strisciuglio, responsabile dell’agguato.

Questa serata dedicata alla legalità è un momento dovuto per tutta la Comunità parrocchiale che da sempre vive il sostegno alla legalità e alla lotta contro la criminalità. “Per noi è fondamentale che la festa abbia un segno tangibile di educazione alla legalità“
Interverranno questa sera i coniugi Fazio, Pinuccio e Lella che continuano a portare in giro per l’Italia un messaggio di pace e di legalità. Condurranno la serata il sostituto procuratore nazionale antimafia Dott. Giuseppe Gatti e il Giornalista Gianni Bianco. Previsto anche l’arrivo del Sindaco Antonio Decaro.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui