VENERDì, 19 LUGLIO 2024
74,653 ARTICOLI
Dir. resp.:Samantha Dell'Edera
redazione@borderline24.com

Per segnalazioni: +39 375 5535222
74,653 ARTICOLI

Direttore Responsabile: Samantha Dell'Edera
Per segnalazioni:
Cell. +39 375 5535222
Email: redazione@borderline24.com

I pugliesi puntano sulle lenticchie per ottenere fortuna: non mancheranno a Capodanno

Pubblicato da: redazione | Sab, 31 Dicembre 2022 - 17:10
- PUBBLICITÀ LEGALE -
aqp.it"

Forse anche per battere la paura dell’inflazione e degli effetti della guerra nel menu dei cenone dei pugliesi in otto casi su dieci (84%) sono previste quest’anno le lenticchie chiamate a portar fortuna, con il 63,6% dei pugliesi che consuma legumi più una volta alla settimana. E’ quanto emerge dall’analisi di Coldiretti Puglia sul Capodanno, per cui sono previste quest’anno le lenticchie benaugurali, mentre il tradizionale chicco d’uva è servito nel 61% dei casi.

La produzione in Puglia di lenticchia è di circa 5.560 quintali e particolarmente ricercate sono le lenticchie IGP di Altamura, con l’accoppiata vincente– continua la Coldiretti regionale – con cotechino e zampone consumati proprio a fine anno con gran parte della produzione nazionale, ma si rileva anche una apprezzabile domanda di cotechini e zamponi artigianali. Non solo lenticchie tra i piatti portafortuna a fine anno ci sono – dice la Coldiretti – anche i chicchi di uva. Ne vanno mangiati dodici, uno per ogni mese dell’anno. E di buon auspicio sono anche i melograni simbolo di riparo e protezione dai problemi che il nuovo anno potrebbe portare. E sorprendentemente portano fortuna anche gli spaghetti – aggiunge Coldiretti – a patto però di cucinarli interi, senza spezzarli.

A far crescere la domanda di legumi con in testa lenticchie e fagioli – sottolinea la Coldiretti regionale – è stata la svolta green nelle scelte di acquisto dei consumatori con la tendenza a mettere nel carrello cibi più salutari, ma anche a fare scorte di prodotti alimentari a lunga conservazione e la necessità di contenere i costi domestici con prodotti convenienti di alta qualità nutrizionale. Ad aumentare – precisa la Coldiretti regionale – sono anche i prodotti trasformati a base di farina di legumi come biscotti, cracker, sostituti del pane e le modaiole alternative di pasta a base di farina di legumi, ceci, lenticchie e piselli.

I legumi più diffusi sono fagioli, piselli, lenticchie, ceci e fave oltre alle cicerchie, ma la Puglia può contare anche su molte produzioni tipiche di qualità riconosciute dall’Unione Europea come la lenticchia di Altamura IGP e riconosciute tradizionali dal MIPAAF come le fave di Carpino e fave e piselli di Zollino,  i piselli ricci di Sannicola, i piselli secchi di Vitigliano, il cece nero di Nardò e il fagiolo dei Monti Dauni meridionali.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24.com
Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

Tilt informatico, ritardi e voli cancellati...

Ritardi nelle operazioni di check in e anche nel traffico aereo...
- 19 Luglio 2024

Anas sospende oltre 900 cantieri in...

In previsione dell'aumento del traffico per gli spostamenti per l'esodo estivo...
- 19 Luglio 2024

Lotta agli incendi, in Puglia aumentano...

Sei squadre di vigili del fuoco in più in Puglia, una...
- 19 Luglio 2024

Reddito di cittadinanza senza avere requisiti,...

Tre persone sono state denunciate dalla guardia di finanza a Maglie...
- 19 Luglio 2024