lapugliativaccina.regione.puglia.it

Inizia col botto il 2023 del Bari. La squadra di Mignani si esalta e batte nettamente il Parma per 4 – 0. I biancorossi hanno fatto valere il proprio strapotere fisico chiudendo i giochi già nel primo tempo. Sugli scudi, ancora una volta, Cheddira sempre più uomo copertina. La classifica sorride sempre di più e i tifosi ora si aspettano che la società completi l’organico con acquisti mirati senza privarsi dei gioielli Cheddira e Caprile. La serie A è alla portata della squadra di Mignani e sarebbe un delitto non provarci.

SCELTE INIZIALI: Il Bari torna in campo dopo la lunga pausa invernale. Per la prima giornata del girone di ritorno è il Parma l’avversario dei galletti. Sono 24 i calciatori convocati dal tecnico Mignani: tutti a disposizione tranne Bosisio e Galano, ormai prossimi all’addio, ma ufficialmente fermi per affaticamento muscolare. Galletti che scendono in campo in maglia rossa con patch dedicata ai 115 anni del Club (domani, 15 gennaio, l’anniversario),

Mignani torna ad affidarsi al modulo con due punte ed è Ceter, la grande sorpresa. Il colombiano fa coppia con Cheddira in attacco. Alle loro spalle c’è Folorunsho. Tutto confermato a centrocampo ed in difesa con Mazzotta e Dorval preferiti a Ricci e Pucino.

Nel Parma, il tecnico Fabio Pecchia recupera Oosterwolde e Zagaritis, febbricitanti martedì ed assenti contro l’Inter, ma deve fare a meno di Estevez per squalifica e di Man e Tutino nel reparto avanzato: il primo è infortunato, il secondo è al centro di voci di mercato. Il tecnico emiliano lascia in panchina Vasquez, Mihaila e Inglese e sceglie il polacco Benedyczak come terminale offensivo, al suo fianco il francese Ange-Yoan Bonny. In porta c’è il campione del mondo Gigi Buffon.

PRIMO TEMPO: Bastano 5 minuti al Bari per passare in vantaggio al primo affondo. Protagonista, manco a dirlo, Walid Cheddira che imbeccato da Benedetti calcia verso la porta di Buffon trovando la deviazione di Balogh che spiazza l’ex portiere della nazionale. Passano altri 5 minuti e il Bari raddoppia: nuova sgroppata di Cheddira in area di rigore parmense col nazionale marocchino che viene agganciato da Balogh. Per l’arbitro Baroni non ci sono dubbi: calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Cheddira che spiazza Buffon e porta il Bari sul 2-0. Il Parma prova a reagire al minuto 16 con Bernabè che serve Bonny, ma il tiro dell’attaccante transalpino è troppo debole e non impensierisce Caprile. Ci prova Sohm al minuto 24 con una conclusione da fuori area che termina alta. Al minuto 30 si accende Juric che serve Benedyczak, ma la conclusione del polacco non crea problemi a Caprile che devia in corner. Crociati vicini al gol al minuto 38: bravo Bonny a difendere palla e servire l’accorrente Del Prato il cui tiro viene deviato in corner. Passa solo un minuto e la squadra di Mignani si rende ancora pericolosa dalle parti di Buffon con Maita che impegna dalla distanza il portiere campione del mondo. Episodio da Var al minuto 41: Buffon cerca l’anticipo su Folorunsho lanciato in area ma tocca la gamba dell’ex centrocampista della Reggina. Secondo calcio di rigore per il Bari, sul dischetto ancora una volta Cheddira che cambia angolo e mette dentro la palla del 3-0. I galletti continuano ad imperversare dalle parti di Buffon con Ceter che serve Cheddira, ma il portiere gialloblù dice di no. Dopo 3 minuti di recupero, l’arbitro Baroni manda tutti nello spogliatoio col Bari in vantaggio per 3 reti a zero.

SECONDO TEMPO: La ripresa si apre con Pecchia che inserisce Camara al posto di Osorio. Al minuto 53 il Bari perde Di Cesare per infortunio, al suo posto Zuzek. Il Parma fa la gara ma non riesce a costruire pericoli per la porta di Caprile, così ci prova nuovamente Cheddira ma la conclusione del nazionale marocchino viene messa in angolo da Buffon. Al minuto 72 Maita serve in verticale Ceter, ma il colombiano viene anticipato da Buffon in uscita. Bari vicino al poker sempre con Cheddira che non approfitta dell’ennesimo svarione di Balogh e calcia a lato a pochi passi dalla porta emiliana. Ancora una ripartenza per i galletti con Ceter che serve Dorval al minuto 76, ma la conclusione del terzino francese termina fuori. Cambi per il Bari al minuto 80 con Mignani che inserisce Mallamo e Bellomo al posto di Folorunsho e Benedetti. C’è gloria anche per Antenucci e Salcedo che prendono il posto di Cheddira e Ceter al minuto 85. Il Parma trova la rete della bandiera al minuto 91 ma la rete di Mihaila viene annullata per fuorigioco di Inglese. E allora il Bari chiude i conti al minuto 94 con Salcedo che incorna di testa su cross di Bellomo. Risultato finale: Bari 4 Parma 0.

PAGELLE: Cheddira – show, Dorval eclissa Oosterwolde

Caprile 6,5, Dorval 6,5, Di Cesare 6,5 (53′ Zuzek 6), Vicari 6,5, Mazzotta 6, Maita 6,5, Maiello 6,5, Benedetti 6 (80′ Mallamo sv), Folorunsho 6 (80′ Bellomo 6,5), Cheddira 7.5 (Salcedo 6,5), Ceter 6 (85′ Antenucci sv)

Mignani 7

TABELLINO: BARI PARMA 4-0

MARCATORI: 5′ Balogh aut. 13′ 42′ Cheddira rig. 94′ Salcedo

FORMAZIONI INIZIALI:

BARI (4-3-2-1): Caprile, Dorval, Di Cesare (c), Vicari, Mazzotta, Maita, Maiello, Benedetti, Folorunsho, Cheddira, Ceter

Panchina: Frattali, Antenucci, Botta, Gigliotti, Salcedo, Terranova, Zuzek, Pucino, Scheidler, Ricci, Bellomo, Mallamo

All. M. Mignani

PARMA (4-3-3): Buffon (c), Osorio, Balogh, Benedyczak, Bonny, Del Prato, Bernabè, Oosterwolde, Sohm, Juric, Valenti

Panchina: Chichizola, Corvi, Charpentier, Vazquez, Ansaldi, Hainaut, Camara, Coubaly, Mihaila, Circati, Inglese, Zagaritis

All. F. Pecchia

SQUADRA ARBITRALE:

Arbitro: Niccolò Baroni della sezione di Firenze. Assistenti: Giuseppe Perrotti della sezione di Campobasso e Orlando Pagnotta della sezione di Nocera Inferiore.

Quarto ufficiale: Ermes Fabrizio Cavaliere della sezione di Paola. VAR: Gianluca Manganiello (Pinerolo). AVAR: Marco Bresmes (Bergamo).

Angoli: 4 – 10

Spettatori: 17.232 spettatori (7.651 abbonati, 168 tifosi ospiti)

(Foto ssc bari)


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui