BARI – “Inapplicabile” il piano di rilancio dell’Amtab che ha portato il Comune a stanziare dieci milioni di euro. Ad affermarlo in commissione Trasparenza, il direttore generale dell’azienda di Trasporto urbano, Francesco Lucibello. “Ora ci si chiede – spiega Irma Melini, consigliera comunale  e presidente della commissione – come farà l’azienda a restituire al Comune 4 milioni entro il 2016. Un dato gravissimo, rivelato da Lucibello, che denuncia una programmazione superiore agli obblighi di contratto dato che l’Amtab non aveva un organico sufficiente e un parco mezzi idoneo a garantire quanto previsto.  Aspettiamo di ricevere il bilancio 2015 e di vedere come questo, di fatto, sia compatibile con gli obiettivi previsti nel piano industriale. Certo è che abbiamo ereditato – prosegue Melini – una partecipata completamente disastrata e ritengo importante che, grazie alle inchieste in corso e a quelle che seguiranno, si faccia chiarezza dando anche nomi e cognomi di chi ha amministrato malissimo fino ad oggi il servizio pubblico barese, con i soldi dei baresi”. La commissione si è riunita dopo che alcune settimane fa la riunione era andata a vuoto a causa dell’assenza dei consiglieri di maggioranza. “Oggi – conclude Melini – si è  registrato come, ancora una volta, il numero legale sia stato garantito dai consiglieri di opposizione e non certo dalla maggioranza (presenti Maiorano e Maugeri)”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here