BARI – Dal pulmino per raggiungere i ragazzi in difficoltà in tutti i quartieri a tute da ginnastica da donare alle scuole di calcio di periferia e alle parrocchie ad un programma di formazione e sensibilizzazione per favorire la crescita in armonia dei bimbi con sindrome di Down. La Fondazione Strade di San Nicola presenta i cinque progetti che saranno portati avanti grazie ai 25mila euro raccolti durante la terza edizione dello spettacolo di solidarietà che si è tenuto il 21 dicembre scorso al Petruzzelli.

\r\n

Primo progetto è “Investiamo per il futuro”, promosso dalla sezione di Bari dell’associazione italiana Persone Down: si tratta di un articolato percorso di formazione e sensibilizzazione, della durata di 12 mesi, teso a favorire lo sviluppo armonico del bambino con sindrome di Down, intervenendo sul contesto familiare e scolastico. Questo modulo progettuale sarà rivolto alle famiglie con bambini con sindrome di Down della provincia di Bari, nella fascia zero  – dieci anni e alle istituzioni scolastiche del territorio.

\r\n

Secondo progetto “Bari Social Bus”: sarà acquistato un pulmino che diventerà un presidio polifunzionale, un punto d’ascolto che si muoverà verso le famiglie e i ragazzi in difficoltà e li metterà in rete con tutti i servizi del Welfare.

\r\n

Terzo Progetto “VestiAmo i campioni”: grazie all’intervento di uno sponsor tecnico, i bambini delle scuole di calcio di periferia e di alcune parrocchie operanti in contesti problematici riceveranno il corrispettivo di 3mila euro in tute da ginnastica e maglie sportive.

\r\n

Quarto progetto “Peluche per amico”:  si tratta di un’iniziativa che vede la federazione “Le strade di San Nicola” al fianco dell’Ikea di Bari. Tutti i clienti, fino al 2 gennaio, avranno infatti la possibilità di acquistare un peluche o dei libri donandoli direttamente alla federazione, utilizzando un’apposita cassetta sistemata dopo le casse. Sarà la federazione a recapitare questi doni ai reparti di Pediatria di alcuni istituti ospedalieri della provincia di Bari.

\r\n

Ed infine “Un piatto per tutti”:  saranno  acquistati oltre 5mila chili di pasta destinati ad alcuni istituti minorili e ad alcune mense sociali della provincia di Bari.

\r\n

Ad illustrare i futuri progetti e quelli realizzati con i proventi delle precedenti edizioni, il presidente della federazione Le Strade di San Nicola, Lorenzo Moretti.  “Ringrazio la città per la grande solidarietà che ha dimostrato ancora una volta – commenta – e l’amministrazione comunale per la disponibilità e il sostegno offerti in occasione dell’esperimento che stiamo portando avanti. Anche quest’anno discuteremo con gli assessorati coinvolti sui progetti da realizzare nel 2017, tenendo sempre conto dei bisogni delle fasce più deboli della cittadinanza e delle situazioni più difficili”.

\r\n

In totale in tre edizioni sono stati raccolti 70mila euro. Uno dei progetti che ha dato importanti riscontri è stato Bari social school che ha permesso di aiutare tanti ragazzi a rischio delle scuole  medie Manzoni –  Lucarelli e De Marinis di Bari.

\r\n

“Sono molto contento di partecipare all’apertura ufficiale della stagione promossa dalla federazione Le Strade di San Nicola – ha dichiarato il sindaco di Bari, Antonio Decaro -. Come ho spesso detto da quando sono sindaco, le associazioni sono le sentinelle sul territorio, il presidio della nostra comunità laddove le istituzioni a volte non arrivano.  Troppe volte, presi dalla quotidianità, dimentichiamo le difficoltà di chi vive ai margini, dimentichiamo che cose che a noi sembrano normali, come una tuta per giocare a calcio o un pacco di pasta per un piatto caldo, sono bisogni che solo grazie al lavoro delle associazioni sul nostro territorio vengono soddisfatti ogni giorno. Da sindaco mi sono reso conto di vivere in una città dove la solidarietà si tocca con mano”.

\r\n

Presenti alla conferenza stampa anche gli assessori al Welfare, Francesca Bottalico, e all’Istruzione, Paola Romano.  “L’esperienza della federazione Le Strade di San Nicola – ha sottolineato Francesca Bottalico – racconta di una realtà che ha saputo creare sinergie e collaborazioni autentiche con l’amministrazione, attivando insieme processi di inclusione e generativi. Quest’anno abbiamo deciso insieme di attivare, con i fondi raccolti, un servizio itinerante con un pulmino capace di andare incontro ai cittadini, di creare un servizio di segretariato sociale mobile, portando animazione socio-culturale nelle piazze e nelle strade, per congiungere periferie e centro e centro e periferie”.

\r\n

“Abbiamo incrociato il percorso della federazione lo scorso anno in due istituti scolastici di Carbonara – ha detto Paola Romano – dove abbiamo avviato attività aperte ai ragazzi che durante l’ anno erano rimasti indietro sulla didattica e che grazie a questi progetti si sono rimessi al passo con gli altri. Inoltre grazie a questi progetti abbiamo avuto la possibilità di tenere aperte le scuole anche in orari pomeridiani, un risultato importante per l’intero quartiere”.

\r\n

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here