BARI – I carabinieri hanno arrestato e messo ai domiciliari due maestre di scuola materna di 53 e 49 anni di Bari per presunti maltrattamenti sui bambini. L’inchiesta è stata svolta dal pm Simona Filoni, l’ordinanza è stata emessa dal gip Francesco Pellecchia.

\r\n

I maltrattamenti sarebbero avvenuti in una scuola di Santo Spirito dal 31 marzo sino al 22 aprile. I bambini hanno dai due anni e mezzo ai tre anni e mezzo. Le indagini sono partite dopo le denunce di alcuni genitori, i militari poi hanno piazzato le telecamere in una classe e hanno ripreso quanto avveniva.

\r\n

\r\n

Botte e insulti

\r\n

\r\n

I filmati mostrano le maestre mentre picchiano i piccoli con schiaffi, colpi sferrati su tutto il corpo, strattonamenti, pedate, calci, forti scossoni sugli arti superiori, accompagnati anche dalla immobilizzazione delle mani per costringere i bambini a stare fermi. I bambini venivano anche trascinamenti sul pavimento e colpiti dietro la nuca.

\r\n

Secondo la Procura erano “costanti anche urla, minacce e gravi ingiurie profferite” nei confronti dei bimbi. Sono stati registrati 37 episodi in una sola classe. Secondo la Procura i maltrattamenti hanno “provocato gravi danni sull’equilibrio psicofisico di tutti i minori, con gravi ripercussioni sulla loro serena crescita, perché costretti a subire quotidianamente inaudite violenze ed a vivere nel costante terrore e dolore, in un clima caratterizzato dalla sopraffazione e dalla violenza, con gravi sofferenze fisiche, morali e psicologiche per tutti i piccoli coinvolti”.  Le indagini proseguono per accertare eventuali responsabilità di altre persone.

\r\n

\r\n

Bambina esanime sul pavimento

\r\n

\r\n

\r\n\r\nUna delle due maestre ha spinto “così forte una bimba da farla sbattere di peso contro un banchetto, per poi rimbalzare all’indietro, perdere l’equilibrio e cadere in avanti, a pancia in giù, finendo rovinosamente con tutto il corpo e la faccia sul pavimento, rimanendo esanime per alcuni minuti, senza emettere gemiti o suoni di alcun tipo”. E’ uno degli episodi contestati ad una maestra nel provvedimento cautelare emesso dal gip di Bari. La piccola – secondo l’accusa – rimase esanime per alcuni minuti sul pavimento mentre “la maestra continuava a girare per l’aula proseguendo nelle sue attività, ignorando le condizioni della piccola e facendola ignorare anche agli altri bambini”. L’episodio risale alle ore 13:03 del 22 aprile scorso. Poco più tardi, alle ore 13:15 dello stesso giorno la maestra strattonò la stessa bambina mettendola “in punizione, tenendola bloccata, con forza, su una sedia con una gamba, per circa quindici minuti, mentre la piccola cercava invano di divincolarsi, sempre in presenza di tutti i bambini”.\r\n\r\nViolenza quotidiana\r\n\r\n”Le indagini – secondo la Procura – consentivano di accertare il carattere abituale del ricorso alla violenza, sia psicologica sia fisica, da parte delle due arrestate in danno dei piccoli allievi loro affidati, assunto quale usuale metodo educativo”.\r\n\r\n
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here