Cabtutela.it
Aproli

MaurilioA Ballare (e come si fa?)” è il primo singolo del barese Maurilio, un brano spensierato e dal sapore tutto estivo. Il pezzo è stato composto con musiche di Raffaele Giovanni Nicolì, mentre il testo è stato scritto da quest’ultimo insieme a Nicoló Accettura. La storia di Maurilio Massari – che lavora nel mondo della moda – si intreccia però con quella di Carletto, il cucciolo di cane a lui affidato, che soffriva dalla nascita di gravi problemi che gli impedivano di muoversi. Dalla gara di solidarietà per aiutarlo si giunge all’operazione, conclusasi felicemente, e il carlino campeggia pure sulla copertina del singolo.

Maurilio ha risposto alle domande di Borderline24, spiegando cosa ha in serbo per questa estate.

C’è un momento giusto per ballare?

Sicuramente l’andare a ballare è motivo di felicità, di festa e di allegria. È uno di quei momenti in cui la nostra mente diventa magicamente ottimista e riesce a godere meglio di tutto ciò che di positivo ci circonda: un ottimo rivitalizzante per la mente e per il corpo! Quindi il momento giusto per andare a ballare è “ogniqualvolta ti è possibile”!

La storia di Carletto è anche una storia di generosità e solidarietà.

La storia di Carletto è una storia bellissima, fatta di tanta generosità e solidarietà ma soprattutto di umanità. Tanta umanità da parte di amici, parenti, calciatori della squadra del Bari e molti sconosciuti che amano gli animali e che hanno seguito sin dal principio la storia di Carletto. Una di quelle storie con un lieto fine e, per quanto mi riguarda, una di quelle storie che racconterò sempre con soddisfazione e fierezza, pensando anche ad oggi e a quello che sta accadendo per merito di Carletto e della sua voglia di andare “a ballare”!

Differenze tra il mondo della moda e quello della musica.

Io sono del parere che moda e musica vadano a braccetto. Non a caso ho sempre unito la passione per la musica con quella per la moda e, negli anni, con dedizione, passione e determinazione sono riuscito a trasformarle nel mio lavoro. Non è solo fortuna, l’impegno paga sempre!

Cosa c’è all’orizzonte per Maurilio, ora?

All’orizzonte? Bella domanda… Penso a un anno fa, penso a come è iniziato tutto ciò, allo spirito di divertimento e spensieratezza che impregna questo progetto, all’obiettivo di divertirci e far sorridere chiunque con l’intento di lasciare un piccolo ricordo musicale, che negli anni possa catapultarci nei ricordi dell’estate 2016. Non ho pretese, ma dopo aver portato tutti “a ballare” durante l’estate, a settembre vi inviterò “sotto le coperte”. Oopss! Che ne dite?


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui