Cabtutela.it
acipocket.it

BARI – “O si apre l’asilo o si rimuove la targa”. Sono parole amare quelle del medico Vito Calabrese, il marito della psichiatra Paola Labriola uccisa, il 4 settembre del 2013, da un paziente nel Centro di salute mentale del rione Libertà, dove lavorava. Proprio ieri, 19 maggio, è stata confermata dai giudici di secondo grado la condanna a 30 anni di carcere per l’assassino, Vincenzo Poliseno. Ma, ora, c’è un’altra vicenda – sollevata da Borderline24 lo scorso mese – che sta facendo indignare i familiari, gli amici di Paola e i baresi: la mancata apertura, dopo ormai due anni e mezzo, di un asilo intitolato alla psichiatra.

\r\n

Ricapitoliamo la vicenda: il 24 ottobre del 2013 l’Università di Bari decise di intitolare l’asilo nido aziendale, in via Celso Ulpiani, a Paola Labriola.  La struttura fu rimessa a nuovo con un milione di euro all’interno di un edificio di proprietà universitario non utilizzato.  I lavori, iniziati nel 2012, terminarono nel luglio del 2013. Ad ottobre del 2013 ci fu il taglio del nastro e la cerimonia di intitolazione. Bene, da quel giorno i cancelli dell’asilo sono rimasti chiusi. Sempre.

\r\n

Il cda dell’Ateneo ha approvato il capitolato d’appalto per dare in gestione la struttura, è stata bandita una manifestazione di interesse per individuare un soggetto gestore che si occupi per un milione e 100mila euro per cinque anni  del servizio. Ma ci vorrà ancora del tempo prima che quell’asilo venga attivato.

\r\n

Il marito di Paola oggi ha commentato laconicamente su facebook. “Questa storia dell’asilo dedicato a Paola e chiuso per me è orrenda e vergognosa”. In molti hanno commentato con messaggi di sostegno a Vito Calabrese, che ha chiosato: “O si apre l’asilo o si rimuove la targa. Non può esserci la targa al nome di Paola per una cosa morta”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui