Le polemiche sul progetto di restyling di via Sparano approdano in Consiglio comunale. La minoranza si è fatta portavoce delle proteste che in queste ore stanno montando soprattutto sul web, nel gruppo “Salviamo via Sparano” che conta più di 8mila iscritti. Alla fine della discussione delle mozioni presentate e respinte, che chiedevano chi il ritiro della gara di appalto per i lavori, chi un referendum, è passata la mozione che impegna il sindaco Antonio Decaro ad organizzare un incontro pubblico. \r\n\r\nLa discussione è stata lunga e numerose le voci in consiglio. “Noi parliamo – ha detto Sabino Mangano dei Cinque Stelle – di rendere la città accessibile e vivibile. Quel restyling è concettualmente sbagliato. Siamo in democrazia, facciamo un referendum per capire il gradimento dell’opera”.\r\n\r\n”Nella odierna seduta – spiega Fabio Romito del gruppo misto –  ho depositato una mozione urgente condivisa anche da Mimmo Di Paola e Irma Melini volta ad impegnare il sindaco ad indire un referendum consultivo  per dare la parola definitiva ai cittadini rispetto ad un intervento urbanistico così importante che stravolgerà per sempre il volto della nostra città. Il sindaco parla sempre di partecipazione e di coinvolgimento dei baresi nei processi decisionali importanti per lo sviluppo di questa città, ora gli abbiamo offerto concretamente l’occasione”. Ed ancora, Giuseppe Carrieri di Impegno civile accusa l’amministrazione di non aver coinvolto i consiglieri ai quali non è stato presentato il progetto.\r\n\r\nDal Pd la consigliera Maria Maugeri ha evidenziato: “Nel merito questo progetto mi crea perplessità, però è anche vero che in questa città quando ci sono cose nuove, si ha sempre paura, c’è sempre ritrosia. Credo che possiamo trovare un punto di equilibrio tra modernità e arredi”.\r\n\r\nIl sindaco ricapitola le fasi del progetto, dal concorso di idee bandito nel 2006 ai diversi incontri che si sono tenuti in questi dieci anni. “Le modifiche sono state fatte a seguito delle indicazioni dei cittadini – commenta Decaro – rispetto al progetto iniziale ci sono più sedute, abbiamo inserito le spalliere. Per quanto riguarda le palme, non siamo stati noi a toglierle, ma è stata una precisa volontà della Sovrintendenza. Il verde ci sarà: invece che nella zona centrale, agli angoli di tutti gli isolati. Abbiamo migliorato l’illuminazione, previsto le telecamere. Insomma di modifiche ce ne sono state ed io sono pronto ad incontrare i residenti, i comitati, le associazioni per illustrare il progetto, per cercare, nel possibile, un punto di incontro, ma non posso bloccare la gara, non posso permettere alla città di Bari di perdere 4 milioni di euro. Via Sparano diventerà la strada più elegante di Bari”.\r\n\r\nAl termine della discussione via libera alla mozione, che ha come prima firmataria la consigliera Irma Melini, con la quale si fissa un incontro con i cittadini.\r\n\r\n \r\n\r\n \r\n\r\n 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
fieradellevante.it
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here