Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Otto ragazzi in fila davanti alla macchinetta automatica di un tabaccaio. A immortalarli, prima dell’entrata a scuola, è Giovanni Gorgoni, direttore del dipartimento Salute della Regione Puglia. Che denuncia, in un lungo post su Facebook, quanto il fumo stia diventando una presenza fissa tra i giovanissimi. Che il numero uno della sanità pugliese chiama “aspiranti”.\r\n\r\n”Ciascuno di quei ragazzi – scrive –  aspira per sé a un proprio futuro, tutti aspirano fumo. E più o meno consapevolmente aspirano a essere “pazienti”, ma non nel senso che attendono disciplinati il proprio turno al distributore automatico di sigarette. Otto giovanissimi fanno ‘pazientemente’ la coda per procurarsi la provvista di tabacco prima delle lezioni. Ed è una coda che somiglia in maniera beffarda a quella di certi Cup: fra le due code c’è una stretta relazione, è solo differita nel tempo”.\r\n\r\nGorgoni, che già un anno fa aveva pubblicato un altro post contro chi beveva, oggi affronta la questione fumo tra i giovanissimi.\r\n”Mi si dirà – si legge ancora sul post – che sono politicamente scorretto: proprio come certi referti medici.  Mi si dirà che le vere cause del danno di salute sono le Ilva (anche…), i petrolchimici (pure…), i vaccini (piano che mi smascello dalle risate) e le scie chimiche (maledetta Cia). Dimenticando che il fumo è il primo fornitore di lavoro per gli ospedali occidentali. Mi si dirà che il governo, la regione, la sanità devono fare prevenzione così tutto si risolve e che i ragazzi devono pensare ad altro. Rifiutando di ammettere che nella maggior parte dei casi in ospedale ci arrivi quando la salute l’hai persa per conto tuo”.\r\n\r\nIl post si conclude con un appello. “Torno alle carte e ai 3.7 posti letto per mille abitanti, ma tu annusati le dita con cui scorri il mio post su Facebook e se profumano di nicotina concediti qualche minuto di riflessione sulla tua salute, poi fai quello che credi. Noi ci prenderemo sempre e comunque cura di te, ma preferiremmo sinceramente che funzionassero i tuoi scongiuri nelle tasche. Chi fuma non è figo, è un aspirante”. 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui