aqp.it
ferrovieappulolucane.it
amgasbarisrl.it

Basta privilegi della casta politica. Il Movimento 5 Stelle ha presentato una proposta di legge per eliminare i vitalizi ai consiglieri regionali. I dettagli della proposta sono stati illustrati oggi a Bari in conferenza stampa dal gruppo grillino nel Consiglio regionale della Puglia: la legge avrà effetto sia sui consiglieri attualmente in carica, sia su chi ha già terminato il mandato, garantendo una pensione ricalcolata con il metodo contributivo, come per i dipendente pubblici.

\r\n

La proposta M5S

\r\n

“Vogliamo portare a 1.300 euro il vitalizio di un consigliere che oggi, per soli 5 anni di attività, percepisce circa 4 mila euro al mese e vogliamo – ha spiegato Antonella Laricchia, portavoce del M5s in Puglia – portare a 2.700 euro quello di chi dopo solo 10 anni ne percepisce 8.200. Togliendo quello che oggi è un privilegio per 208 persone potremmo risparmiare sino a 10 milioni l’anno, pari a 50 milioni in un’intera legislatura. La cifra così risparmiata sarebbe sufficiente a garantire a 4668 famiglie pugliesi il superamento della soglia di povertà”.

\r\n

La querelle sulla costituzionalità

\r\n

La proposta di legge dei grillini si scontra però con la giurisprudenza, in particolare con le sentenze della Corte costituzionale, che già nel 2012 e 2013 avevano dichiarato incostituzionale un qualsiasi provvedimento che imponesse un taglio ai vitalizi statali.

\r\n

“Non ci sono più scuse per evitare che si legiferi in materia” ha dichiarato la portavoce Laricchia, citando nel suo discorso Ferdinando Imposimato, Pietro Ichino e Franco Gallo. “Diritti acquisiti sono al massimo – ha proseguito Laricchia – le quote di vitalizio già percepite di cui non si può più chiedere la restituzione. Nulla impedisce al legislatore di intervenire sui trattamenti pensionistici e analoghi, rispettando il principio di ragionevolezza, che a parere del Movimento 5 stelle si concretizza nella scelta del metodo contributivo”.

\r\n

Convergenza maggioranza-opposizioni?

\r\n

I pentastellati auspicano una convergenza sulla proposta tra  opposizioni e maggioranza, sulla via delle riduzioni dei privilegi della politica: “Auspichiamo – ha concluso Laricchia – che i consiglieri regionali, la Giunta e lo stesso Emiliano vogliano realizzare questa operazione di giustizia”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui