Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

BARI – Due reparti, Anatomia patologica e Chirurgia toracica, provenienti dall’ospedale San Paolo, la clinica di Oncologia invece dal Di Venere. L’Oncologico Giovanni Paolo II di Bari si prepara ad accogliere questi tre reparti e ad arricchire la propria offerta, i trasferimenti sono stati disposti dalla Regione Puglia dopo aver raggiunto l’accordo con la Asl.\r\n\r\nNello specifico a migrare da una struttura all’altra saranno i posti letto e il personale che darà il consenso. L’obiettivo del trasferimento è quello di completare l’offerta assistenziale della struttura che diventerà il cuore della rete oncologica pugliese: l’istituto Tumori di Bari.\r\n\r\nIl via libera alla misura è stato dato dopo l’incontro, tenutosi ieri mattina, 9 giugno, nella sede della Presidenza della Regione Puglia, tra il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, il direttore del dipartimento Politiche della salute, Giovanni Gorgoni, il direttore generale della Asl Bari Vito Montanaro e il direttore generale dell’istituto Tumori di Bari “Giovanni Paolo II”, Antonio Delvino.\r\n\r\nIl trasferimento verrà effettuato solo quando la Giunta regionale darà il via libera definitivo, a cui poi seguirà un piano strategico e di rilancio triennale dell’Oncologico. Con questo trasloco verranno sfruttati al massimo i 140 posti letto dell’istituto Tumori, come previsto dal Piano di riordino ospedaliero.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

1 COMMENTO

  1. Che questi trasferimenti depotenzino la BREAST UNIT ASL BA, prima ad essersi formalmente costituita in Puglia……che dal 1999, di fatto, è sempre stata presente, riconosciuta ed apprezzata da molte delle Istituzioni Senologiche Italiane e non solo….che ,come si evince chiaramente dai dati Agenas e PNE, sviluppa volumi importanti di attività (tra le più alte della Puglia) e con piena soddisfazione dell’Utenza…… che ha certamente contribuito a ridurre la migrazione verso altre regioni per tale patologia……… NESSUNO VI HA BADATO! Per potenziare un Istituto di altro ministero depotenziamo l’offerta della ASL BA.\r\nIo non ci posso credere che esperti e tutori del bene salute possa aver ideato tutto ciò.\r\nStefano RINALDI: \r\nDirettore UO Chirurgia Senologica Osp. San Paolo ASL BA\r\n Coordinatore Breast Unit ASL BA

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui