Cabtutela.it
acipocket.it

Dalle 18 alle 24 di oggi l’ex Manifattura Tabacchi ospiterà la “Festa al mercato”, organizzata nell’ambito del progetto D-Bari per lo sviluppo dei distretti urbani del commercio. Il mercato si aprirà alla cittadinanza, proponendo spazi di socialità, piccole degustazioni di prodotti tipici, buona musica e la possibilità di scambiare idee e prassi per la proposta di distretto urbano del commercio riguardante l’edificio storico e il suo mercato.\r\n\r\n“Riattivare gli spazi della manifattura dei Tabacchi – spiega il sindaco Antonio Decaro – significa riattivare l’intero quartiere Libertà. Questo luogo, di sera, può diventare un contenitore dinamico dove socializzare, ascoltare musica e dove le attività mercatali tradizionali, che di giorno vendono frutta, possono sviluppare un’offerta alternativa anche di sera. Abbiamo fatto tanti esempi in questi mesi: gli operatori, che di giorno vendono il pesce, di sera possono preparare del sushi alla barese, le salumerie e le enoteche organizzare aperitivi. Questo edificio meraviglioso che non ha nulla da invidiare ad altri luoghi simili in giro per l’Italia e l’Europa”.\r\n\r\nL’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone prosegue: “Questo mercato è uno dei più importanti della città, che produce un indotto economico sensibile che non solo vogliamo tutelare ma anche valorizzare tenendo conto delle storie e delle attività locali che già esistono al suo interno”.\r\n\r\nSulla Manifattura il Comune e l’Università, proprietari a metà del bene, hanno le idee chiare.\r\n\r\n”Tra qualche giorno presentiamo “Mani futura”, il progetto di riqualificazione dell’intera area che ospiterà il Cnr, con 721 tra i migliori ricercatori della terra di Bari – ricorda Decaro – che effettueranno qui i loro studi. Stiamo preparando anche il secondo progetto di Porta Futuro, oggi un job centre costruito sul modello realizzato a Barcellona, Parigi e Roma e che si aprirà anche alle giovani imprese attraverso un incubatore strategico. Per le parti restanti dell’edificio, invece, chiederemo a chi vincerà la gara per “Mani futura” di aiutarci a pianificare una soluzione adeguata che possa ospitare laboratori o agenzie di produzioni musicali o altre attività artigianali. Abbiamo una straordinaria occasione che non è solo un’idea sulla carta ma sta diventando sostanza giorno dopo giorno”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui