Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

BARI – Le ruspe sono entrate in azione e hanno abbattuto prima l’interno e poi la facciata del palazzo, lasciando solo pietre e calcinacci di quello che era lo storico cinema dei baresi, l’Armenise. Ora si prepara a diventare un condominio che ospiterà locali ed appartamenti.\r\n\r\nA sessant’anni dall’apertura se ne va un pezzo di storia della città, che non ha saputo resistere alla concorrenza delle altre sale, più grandi e moderne. L’ultimo film proiettato è stato “Quo Vado”, pellicola di Gennaro Nunziante con il comico pugliese Checco Zalone, ad inizio gennaio. Poi c’è stata la chiusura e le tante polemiche prima dell’abbattimento dell’edificio che ospitava le sale per le proiezioni.\r\n\r\nResidenti della zona e associazioni, come il comitato “Salviamo il cinema Armenise”, hanno provato con raccolte firme e proposte di riqualificazione ad evitare l’abbattimento del cinema, ma non è servito a nulla. L’unica promessa dell’amministrazione riguarda il futuro. “L’edificio ospiterà una piccola sala proiezioni dopo i lavori”, hanno fatto sapere dopo i tanti appelli. Il presente dell’Armenise è invece più oscuro che mai, ora che del cinema sono rimasti – ancora per poco – solo parte del primo piano e dopo che negli scorsi giorni erano state portate via le pellicole e le poltrone dalle sale per le proiezioni.\r\n\r\nQuando alla fine anche la storica insegna è stata abbattuta anche i baresi hanno capito che non sono i ricordi e il nome che portano avanti un’attività. E il cinema Armenise, almeno per il momento, è destinato a rimanere un ricordo.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui