Cabtutela.it
acipocket.it

 \r\n\r\nUn numero verde contro i reati ambientali, gestito da una rete di associazioni riconosciute a livello nazionale dal MATTM. Il progetto del numero per la segnalazione dei reati del mare e reati ambientali sul demanio marittimo sarà presentato domani, 30 giugno, alle ore 10 a Bisceglie (BT), nella “Sala degli Specchi” di Palazzo Tupputi, in via Cardinale dell’Olio, 30. Lo 800.894.500, affisso in tutti i lidi balneari della Regione, assicurerà al cittadino un servizio di call center attivo tutti giorni dalle 9.30 alle 18.30, dal 15 giugno al 15 settembre.\r\n\r\nOltre alla segnalazione telefonica, è possibile contattare il servizio utilizzando il nuovo sitowww.ecoreatipuglia.it, ottimizzato per smartphone, ove sono disponibili tutte le informazioni utili per inviare una mail o compilare il forum online. Inoltre è partito un servizio informativo della newsletter periodica, oltre all’aggiornamento della pagina Facebook a cura di “Econews di Puglia”.\r\n\r\nDopo tre anni di pausa, il progetto è stato completamente riorganizzato e si ripresenta con importanti novità che contribuiranno ad agevolare i cittadini che vorranno segnalare un abuso, un’infrazione o un reato ambientale sul demanio marittimo, garantendo loro la privacy.\r\n\r\nIl team, costituito da centralinisti esperti del settore, si arricchisce di un consulente giuridico di un ufficio stampa per la comunicazione regionale e, a livello tecnico, di uno staff di geologi, biologi, ingegneri e esperti d’ambiente. I sopralluoghi saranno effettuati dalle guardie volontarie dislocate in tutte le provincie pugliesi. Nel corso del progetto, inoltre, verrà sviluppata una app e verranno organizzati incontri divulgativi, conferenze e manifestazioni. È prevista anche la gestione delle segnalazioni non inerenti le aree demaniali e il recupero fauna selvatica in difficoltà.\r\n\r\n \r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui