Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Laboratori con macchine di ultima generazione per diagnosticare e prevenire malattie neurodegenerative. Ma anche alloggi per pazienti e un museo con quadri di artisti affetti da varie patologie neurologiche.  Il tutto circondato da un “giardino dell’Alzheimer”, unico in Italia, per il recupero della memoria. E’ questo il progetto di Biofordrug s.r.l., spin-off del dipartimento di Farmacia dell’Università di Bari, che ha allestito i propri laboratori, inaugurati ieri pomeriggio 18 luglio, all’interno del Brain Fallacara Department, uno spazio ricavato nello storico edificio dell’Opera Pia “Francesca Fallacara” a Triggiano.\r\n\r\nL’allestimento dei laboratori, nei quali si svolgerà principalmente attività di ricerca, ha interessato il piano terra e il primo piano della struttura i cui lavori di rifacimento, finanziati per metà dalla Biofordrug e per l’altra parte dall’Opera Pia, sono in fase di conclusione.\r\n\r\n“La ricerca italiana sta facendo importanti passi avanti nel difficile settore delle malattie neurodegenerative – ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, intervenuta ieri all’inaugurazione della struttura – Quello a cui stiamo assistendo qui a Triggiano è l’esempio perfetto di trasferimento tecnologico, cioè un luogo in cui si fa ricerca, che poi viene brevettata. E dal brevetto si passa alla realizzazione del farmaco e quindi alla messa in pratica della cura. Questo è il vero petrolio dell’Italia”.\r\n\r\n

\r\n\r\nL’acquisizione del brevetto da parte di privati \r\n\r\n“Ben venga l’acquisizione del brevetto da parte di privati – continua il ministro – tutto ciò in passato ha creato del reddito. E la realizzazione dei farmaci farà nascere altri posti di lavoro. E quindi creerà economia”.\r\n\r\nAll’inaugurazione del nuovo spazio del Brain Fallacare Department hanno partecipato anche il rettore dell’Università Antonio Uricchio, i sindaci di Bari e Triggiano, i rappresentanti delle forze dell’ordine territoriali. Oltre ai dipendenti e volontari che lavoreranno nella struttura.\r\n\r\nL’attività del Brain Fallacara Department \r\n\r\nI ricercatori della Biofordrug s.r.l, all’interno dei laboratori appena allestiti, si dedicheranno principalmente alla diagnostica precoce e alla prevenzione di malattie neurodegenerative, oncologiche e del neurosviluppo (come l’autismo). Oltre che allo studio e alla tracciabilità degli alimenti che possono prevenire patologie neurologiche, alla certificazioni di dispositivi medici (medical devices) e alle indagini cliniche con dispositivi e-service. Nel giardino della struttura è stata ricostruita la Triggiano di 40 anni fa. Qui i malati di Alzheimer potranno circolare tranquillamente, senza alcun timore di perdersi, recuperando la propria memoria e i propri ricordi.\r\n\r\nL’obiettivo di Biofordrug s.r.l.\r\n\r\nIn cinque anni di attività la Biofrodrug, nata nel 2011 in seno all’Università di Bari e presieduta dal professor Nicola Colabufo (al cui interno oltre a Colabufo sono impegnati i professori Roberto Perrone, Francesco Berardi e Marcello Leopoldo), ha realizzato una serie di pubblicazioni scientifiche, quattro brevetti farmaceutici internazionali, e ha in cantiere la messa a punto del test C4D,  per la diagnosi precoce dell’Alzheimer, oltre alla realizzazioniedi una bevanda con integratori. La società – si legge in un comunicato stampa- ha assunto a tempo indeterminato sette giovani laureati dell’Uniba, e può vantare un patrimonio di circa mezzo milione di euro, costituito principalmente da strumenti innovativi di alto impatto tecnologico. Importanti sono le collaborazioni della società con le università di Sheffield e Lisbona. La Biofordrug ha vinto nel 2011 il premio nazionale “Uk-italy Entrepreneurship Award e nel 2012 quello internazionale “Le Fonti”.\r\n\r\n \r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui