Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

L’auto in testa al corteo diffonde musica con tre amplificatori montati nel bagagliaio. A seguirla ci sono centinaia di studenti, che dalle 10 di stamattina sono scesi in piazza, armati di striscioni, bandiere e megafoni per rivendicare la piena realizzazione del diritto allo studio. E non solo: gli slogan della manifestazione – organizzata dell’Unione degli studenti e dagli universitari di Link – toccano tanti temi: alternanza scuola lavoro, trasporti pubblici e persino il No al referendum.\r\n\r\n”Ci sono molte problematiche per cui protestiamo oggi, in primis i trasporti”, spiega Davide Lavermicocca coordinatore di Uds Bari. “I bus – prosegue – sono vecchi e strapieni, fanno ritardo. Inoltre ci obbligano a fare alternanza scuola lavoro in aziende che sfruttano i lavoratori. Non si può continuare così, adesso decidiamo noi”.\r\n\r\nSui trasporti pubblici ritorna anche Sara Acquaviva di Link: “Negli ultimi cinque anni i biglietti di autobus e treni sono saliti del 11 per cento. Un servizio inadeguato ad un costo spropositato. Sono aumentate anche le tasse universitarie per noi studenti, non possiamo continuare in questo modo, in tempi di crisi per le famiglie del Sud”.\r\n\r\nLa manifestazione, organizzata da Uds in tutta Italia, in Puglia si svolge in contemporanea in 13 città d’Italia. A Bari gli studenti (dello Scacchi, del Flacco, oltre ad universitari di sinistra) sono partiti da piazza Umberto per arrivare poi in piazza Diaz, dove sono previsti dibattiti, concerti ed un pranzo sociale.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui