Cabtutela.it
acipocket.it
agricoladiniso.it

Sarà il patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I, ad aprire i festeggiamenti per San Nicola. Una visita importante che sancisce il legame tra la Chiesa ortodossa e la Chiesa cattolica, nel nome del Santo patrono di Bari. Ma il 6 dicembre sarà anche la giornata della tradizione: si comincerà con la fiaccolata e la cioccolata calda subito dopo la messa dell’alba per poi proseguire per tutta la giornata tra celebrazioni e processioni.\r\n\r\nLa visita del patriarca\r\n\r\n\r\nL’arrivo di Bartolomeo I è previsto per oggi. Il Patriarca interverrà nella mattinata del 5 dicembre al primo evento ufficiale del soggiorno barese: l’inaugurazione dell’anno accademico della Facoltà Teologica Pugliese. In questa occasione, Bartolomeo I terrà una lectio magistralis e gli sarà conferito il “premio San Nicola”, riconoscimento che la Facoltà Teologica Pugliese assegna ai rappresentanti della Chiesa cattolica e ortodossa per il loro impegno nella promozione dell’unità della Chiesa. Il simbolico riconoscimento consisterà in una fedele riproduzione in scala 1/3 in argento e oro della “lampada uniflamma” – realizzata dall’orafo barese Felice Caradonna – che arde perennemente dal 1936 nella cripta della Basilica.\r\n\r\nNel pomeriggio del 5, invece, Bartolomeo I sarà presente ai vespri nella chiesa del Sacro Cuore in corso Cavour che sarà affidata per l’occasione al Metropolita Gennadios, Arcivescovo Ortodosso d’Italia e Malta. La vecchia parrocchia, chiusa nel 2013 dopo il trasferimento nella nuova chiesa a pochi metri di distanza, da domani sarà utilzzata dalla comunità greco – ortodossa.\r\n\r\nInfine, il Patriarca visiterà la Cattedrale di Bari. Dopo la visita al seminario “Pio XI” di Molfetta (la mattina del 6 dicembre), Bartolomeo I parteciperà e interverrà alla fine della messa solenne per San Nicola, che sarà celebrata il 6 pomeriggio alle 18 in Basilica. Al termine si recherà nella cripta per adorare le reliquie del Santo, chiudendo così la sua visita in città.\r\n\r\nLa fiaccolata\r\n\r\nAll’alba di martedì 6 dicembre si terrà la XXIV edizione della fiaccolata nicolaiana, organizzata dal circolo Acli – Dalfino e dalle associazioni “Road Runners” e  “Amici della Pineta”.\r\n\r\nTre i cortei che partiranno da tre punti diversi della città: dalla pineta di San Francesco, da Largo Due giugno e da Japigia, piazzetta istituto Clelia Merloni. I tre cortei si congiungeranno al Castello per raggiungere insieme la Basilica per la cerimonia sul piazzale.\r\n\r\nAlle 10 e 30 si terrà invece la cerimonia del premio “Nicolino d’oro 2016”, durante la quale saranno premiati sei illustri baresi che si sono distinti. Il premio alla memoria andrà a Maria Maugeri, scomparsa di recente, che ha lottato per anni per l’ambiente nel suo ruolo di assessore e consigliere comunale.\r\n\r\nLa consegna delle chiavi e la processione\r\n\r\nAlle 15 e 45 ci sarà la consegna delle chiavi della città a San Nicola da parte del sindaco Antonio Decaro (anticipata rispetto agli altri anni proprio per la visita del patriarca). Alle 16 la processione della statua per i vicoli del centro storico. Alle 18 l’ultima messa ed infine alle 20 e 30 lo spettacolo pirotecnico.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui