Cabtutela.it
acipocket.it

Dal Comune una soluzione per l’emergenza abitativa nel quartiere barese di Sant’Anna. Questa mattina infatti sono stati firmati l’accordo tra il direttore della ripartizione Patrimonio Maurizio Montalto e il responsabile della cooperativa Domus Sabina per la realizzazione di 30 alloggi, composti da due, tre o quattro vani.\r\n\r\nNei piani del Comune il quartiere arriverà ad ospitare in tutto 120 unità abitative, che saranno costruite nei prossimi due anni con una spesa totale di circa sei milioni di euro. Una parte degli alloggi, 15 in tutto, verranno messi a disposizione delle famiglie in difficoltà, che potranno utilizzarle attraverso il sistema dell’housing sociale, ovvero con un affitto a canone “calmierato” (concordato ndr). In passato la zona fu al centro di un grosso dibattito, vista la necessità di costruire altre abitazioni, per cui il Comune decise di dividere l’area in quattro lotti distinti, così da affrontare le spese di costruzione minori. Da Palazzo di città fanno sapere che in futuro si proverà ad ampliare i cantieri anche negli altri lotti non a rischio idrogeologico a Sant’Anna, uno dei quartieri costituiti grazie all’edilizia privata e pubblica..\r\n\r\n”Questa vicenda vuole essere anche un incentivo per le tante aziende che lavorano sul nostro territorio nel settore dell’edilizia – spiega il vicesindaco Brandi – che con lo sblocco dei cantieri potranno anche dar vita a nuovi posti di lavoro per carpentieri, idraulici, piastrellisti ma anche per le aziende che lavorano materie prime. Con questa sottoscrizione anche il Consorzio Sant’Anna 2, che ringrazio per la collaborazione, avrà la possibilità di completare tutte le opere di urbanizzazione”.\r\n\r\n \r\n\r\n 


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui