Due ruderi, abbandonati da oltre dieci anni e che sono diventati delle trappole per il quartiere San Girolamo – Fesca: si tratta dell’ex istituto nautico che si affaccia proprio sul nuovo waterfront e dell’ex scuola elementare, alle spalle.

Il Nautico è chiuso dietro recinzioni facili da scavalcare: prima di arrivare alla porta di ingresso c’è un manto di erbacce e rifiuti, gettati probabilmente dalla strada. “Qui proliferano zanzare e insetti di ogni tipo – raccontano i residenti – senza dimenticare i topi. Non è un bello scenario per il nuovo lungomare”.

Alle spalle la situazione è ancora peggiore. Perchè qualcuno ha divelto una parte della recinzione e soprattutto ragazzini entrano tranquillamente nel rudere, dichiarato inagibile dall’amministrazione comunale. Qui le porte dell’ex scuola elementare sono spalancate e all’interno ci sono rifiuti, bottiglie di birra, cartoni di pizza. E sullo sfondo ancora la scritta “Bentornati” per accogliere i piccoli del quartiere. “Qualche volta – raccontano ancora i residenti – ci sono persone che entrano lì, anche ragazzini. Altri invece buttano rifiuti dalle recinzioni. Le condizioni igienico sanitarie sono pessime ormai da troppo tempo”.

A preoccupare il quartiere soprattutto la presenza di calcinacci. “Non conosciamo le condizioni strutturali di questi edifici – concludono – ma se sono inagibili, meglio murare gli accessi, per evitare tragedie”.

 

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here