Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Via la recinzione dal giardino Triggiani a San Girolamo. E’ la decisione presa questa mattina dopo un sopralluogo fatto dall’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso, dal presidente del Municipio III Massimiliano Spizzico e da una nutrita rappresentanza di consiglieri municipali.

I residenti delle palazzine limitrofe lamentano nelle ore notturne la presenza di persone che scavalcano la recinzione dell’area bivaccando all’interno fino a tarda ora. Questa situazione si ripete da quando, alcuni anni fa, si decise di chiudere la piccola area con l’attuale recinzione, inibendone così l’accesso al pubblico durante le ore serali di chiusura cancelli. “Pertanto – fanno sapere dal Comune – si è deciso di programmare la rimozione della recinzione in modo da consentire una continua fruizione dell’area oltre a un più facile controllo da parte delle forze dell’ordine e ripristinare condizioni di maggiore sicurezza del giardino. Al suo interno verranno anche installati dei sistemi di videosorveglianza collegati con la sala operativa del comando della polizia municipale”.

Infine, è stata rappresentata la necessità di programmare al più presto una pulizia straordinaria lungo il canale Lamasinata, che preveda anche operazioni di sfalcio dell’erba e taglio delle alberature infestanti cresciute su un’intera sponda del canale. “Il sopralluogo di questa mattina – ha commentato Giuseppe Galasso – mi è stato richiesto dal presidente Spizzico e dai consiglieri che si sono fatti portavoce di una serie di segnalazioni da parte dei residenti e ci ha permesso di osservare in loco alcune problematiche tra le più sentite nel quartiere. Provvederemo ad eliminare tutto ciò che invoglia i ragazzi a sostare in queste aree infastidendo i residenti durante la notte, disturbando il sonno di chi abita accanto al giardino Triggiani”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui