Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha oggi firmato il decreto del governo sull’obbligo vaccinale per i bambini.

La nuova legge

Ecco cosa impone la nuova legge che dovrà essere confermata dal parlamento entro 60 giorni: innanzitutto, l’obbligo dei vaccini per l’accesso a scuola per i bambini sino a 6 anni. La nuova norma prevede sanzioni severe per chi trasgredisce, con multe per i genitori che vanno da 500 a 7.500 euro. Saranno obbligatori anche i vaccini per i bimbi che frequentano le elementari e sino ai ragazzini di 16 anni, ma in questo caso la violazione prevede solo la multa e non il divieto di iscriversi alla scuola. Le misure del decreto entrano in vigore dal prossimo anno scolastico. Non solo: salgono a 12 i vaccini obbligatori, questo l’elenco: polio, difterite, tetano, epatite b, pertosse, emofilo b, meningococco b e c, morbillo, rosolia, parotite e varicella. Dai 6 anni in poi, il responsabile della scuola avrà l’obbligo di riferire all’Asl la mancata vaccinazione. L’azienda sanitaria, a sua volta, dovrà contattare la famiglia e fissare una data per la vaccinazione, in caso di rifiuto scatteranno le multe. Nel giro di qualche settimana partirà una campagna di sensibilizzazione e informazione.

Le vaccinazioni possono essere omesse o differite solo in caso di accertato pericolo per la salute, in relazione a specifiche condizioni cliniche documentate e attestate dal medico di medicina generale o dal pediatra di libera scelta. Il genitore che violerà l’obbligo di vaccinazione verrà anche segnalato dalla Asl al Tribunale dei minorenni per la possibile sospensione della potestà genitoriale. I controlli saranno annuali e fatti a tappeto, non a campione. Se un bambino ha già avuto alcune delle patologie coperte da vaccino obbligatorio deve farsi attestare tale circostanza dal medico curante, che potrà anche disporre le analisi del sangue per accertare che abbia sviluppato gli anticorpi.

Le reazioni in Puglia

La firma del presidente è stata accolta positivamente dal consiglio regionale pugliese che si apprestava a varare una legge molto simile. “Il decreto legge sull’obbligo vaccinale, firmato oggi dal presidente Mattarella, riguarda il concetto di responsabilità genitoriale. Quello stesso che qualche anno fa mandò in pensione l’idea proprietaria dei figli, la “patria potestà”, e che negli ultimi tempi si stava riaffacciando con le sembianze della “libertà di scelta”, per giunta su un argomento di salute collettiva”, commenta il presidente della commissione regionale Bilancio Fabiano Amati, primo firmatario del ddl regionale. “Il decreto – prosegue – contiene quasi tutte le idee che ci avevano portato a presentare nel novembre scorso una proposta di legge regionale. Se sarà convertito in legge dal parlamento con lo stesso testo, mi pare che l’unico argomento su cui dovremo riflettere riguarda l’obbligo vaccinale a carico degli operatori sanitari. Ma per questo ci sono almeno sessanta giorni per valutare il da farsi. Nel frattempo ringrazio il Governo nazionale che ci sta evitando ipotesi di federalismo vaccinale”.

 

 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here