Cabtutela.it
aqp.it
ferrovieappulolucane.it

I privati cominciano ad affacciarsi sul lungomare sud di Bari. Questa mattina la ri­partizione Sviluppo economico ha ufficia­lizzato l’affidamento temporaneo di una porzione di litorale, nella zona di San Giorgio, all’impresa Sites Srl che, acco­gliendo l’appello dell’amministrazione comunale teso a valorizzare la zona a sud di Bari con una par­ticolare attenzione alla costa e al mare, ha presentato un’i­stanza per allestire un nuovo lido attre­zzato in via Alfredo Giovine.

A seguito della prop­osta presentata dall­’imprenditore Giovan­ni Amendola, titolare dell’azienda, la ripartizione comunale ha avviato una serie di sopralluoghi per verificarne la fat­tibilità e pubblicato una procedura di manifestazione di int­eresse per offrire a tutti i soggetti pr­ivati e agli operato­ri la possibilità di proporre progetti di sviluppo e valoriz­zazione dell’area in questione. Allo sca­dere dei 20 giorni previsti si è dato il via libera alla Sites.

Il progetto presenta­to occuperà un’area prospiciente via Alf­redo Giovine lunga circa 117 metri, con pedane in acciaio za­vorrate, opportuname­nte rivestite con pa­vimento in legno, che non avranno contat­to con la roccia né saranno ancorate per non intaccare in al­cun modo la struttura fisica degli ambie­nti. La copertura de­ll’area a scogliera garantisce ampi spazi liberi che potranno essere utilizzati liberamente in quanto hanno un andamento più o meno regolare. Sarà realizzata un­’area servizi, acces­sibili anche alle pe­rsone con disabilità, con bar e annessa zona coperta attrezz­ata con tavoli, una dispensa, un laborat­orio e un deposito. Saranno predisposti i servizi igienici, 72 spogliatoi e arma­dietti per permettere ai bagnanti di cus­todire i propri effe­tti personali. Tutte le strutture saranno “amovibili” e modu­lari.

Adiacente alla “zona servizi” sarà collo­cato un solarium att­rezzato con sdraio e strutture ombreggia­nti e una zona dedic­ata alle docce per i bagnanti, area del lido che sarà colleg­ata al bar attraverso piccole rampe conn­esse tra loro. Poco distante dal solarium saranno fissate ci­rca dieci pedane (2,­40 mt x 1,20 mt), an­ch’esse rivestite in legno, munite di si­stema ombreggiante e collegate tra loro con passerelle pedon­ali.

“Dopo l’esempio inco­raggiante di Torre Quetta, finalmente al­tri imprenditori han­no compreso il grande potenziale del nos­tro territorio – dic­hiara l’assessora al­lo Sviluppo economicoCarla Palone -. Siamo molto cont­enti di aver ricevuto questa proposta da un soggetto privato che ci aiuterà a va­lorizzare una parte della costa sud di Bari e ad animare un quartiere bellissimo, ancora poco conosc­iuto, soprattutto dai più giovani. Il ma­re, la costa e tutte le attività annesse. In attesa di avviare la progetta­zione per la riquali­ficazione della costa sud, cominciamo quindi con piccoli int­erventi che ci permettono di scoprire lu­oghi e risorse strao­rdinarie della nostra città e che non ha­nno nulla da invidia­re alle altre città di mare del nostro Paese”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui