Cabtutela.it
acipocket.it

Sei chilometri di costa, tra il canale Valenzano e San Giorgio, occupati da capannoni dismessi e aree degradate. Sul modello del lungomare di Bari Vecchia, il Comune è pronto per il restyling, promuovendo un concorso internazionale di idee e favorendo iniziative di uso temporaneo di spazi e manufatti pubblici e privati. Oggi l’assessore all’Urbanistica, Carla Tedesco, presenterà il progetto in giunta.

Attraverso questa delibera, da un lato, il Comune punta ad indicare le linee guida del concorso internazionale di idee orientando la definizione di una strategia di rigenerazione territoriale incardinata sulle relazioni tra litorale e retro costa. Ciò consentirà di individuare progetti in grado di connettere lo spazio pubblico costiero con gli spazi pubblici del quartiere Japigia.

Dall’altro lato, l’amministrazione intende dare risposte nel breve periodo alle esigenze di rigenerazione emergenti adottando indirizzi immediatamente operativi, che promuovano l’avvio di azioni di recupero e valorizzazione dell’esistente. Più nel dettaglio, l’amministrazione cercherà di realizzare piccole opere utili a garantire la fruibilità degli spazi per usi anche temporanei, con la collaborazione dei privati e delle associazioni, sul modello di quanto sta avvenendo negli spazi di via Gargasole nella ex Caserma Rossani.

“Crediamo che la trasformazione della fascia a sud, che rappresenta l’unica testimonianza residua di campagna costiera nel territorio comunale, richieda una strategia di ampio respiro che permetta ai cittadini di riappropriarsi e vivere questa zona della città che ha un grande valore paesaggistico, grazie alla presenza di due elementi naturali molto forti: il mare e la campagna – commenta l’assessora Carla Tedesco -. La riqualificazione della costa sud è un tassello fondamentale dell’impegno e della strategia che l’amministrazione comunale sta portando avanti per riannodare il rapporto della città con il mare”.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui