Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Il Comune di Nardò intitola il piazzale antistante al villaggio d’accoglienza per lavoratori migranti, realizzato presso Masseria Boncuri, alla memoria di Stefano Fumarulo, dirigente alle politiche per le migrazioni e per l’antimafia sociale scomparso lo scorso 12 aprile. L’appuntamento è fissato per domani, mercoledì 23 agosto, alle ore 19. Alla cerimonia di intitolazione parteciperanno il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, il sindaco di Nardò Pippi Mellone, il prefetto di Lecce Claudio Palomba e le autorità civili e religiose.
Intitolare il piazzale alla memoria di Stefano Fumarulo è un modo per suggellare il legame tra la città di Nardò e questo giovane e brillante dirigente regionale, che con perseveranza e abnegazione si è impegnato a contrastare i fenomeni criminosi attraverso azioni di antimafia sociale, immaginando, col supporto dei numerosi componenti dei tavoli tecnici che hanno affrontato queste problematiche, questo nuovo modello di accoglienza. Il villaggio di Nardò si compone di moduli abitativi, infermeria, uffici e una tensostruttura per somministrazione pasti e rappresenta la prima esperienza di questo tipo, tesa proprio a contrastare i fenomeni di caporalato. Servirà a favorire le politiche di inclusione sociale ed economica. L’adozione di questo innovativo modello di accoglienza rappresenta un passo in avanti di civiltà e rispetto della dignità umana e porterà benefici alla città di Nardò e a tutta la Puglia, sia in termini di responsabilità sociale sia di competitività dei prodotti, che non saranno più gravati dall’immagine negativa delle baraccopoli e dello sfruttamento.
Il villaggio d’accoglienza è situato sulla strada provinciale 19 (nei pressi dell’ingresso alla zona industriale), che si percorre alla prima uscita per Nardò sulla strada 101 Lecce-Gallipoli.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui