È larcipelago giudiziario la soluzione prospettata dal comitato Giustizia al Libertà alla commissione trasparenza del Comune di Bari nel corso dell’audizione che si è svolta ieri. Il progetto, sostenuto dai consiglieri di opposizione Filippo Melchiorre, Giuseppe Carrieri, Fabio Romito, Romeo Ranieri e Michele Picaro,, prevede il secondo palazzo di giustizia in corso della Carboneria destinato solo alle aule penali; l’immobile in via Nazariantz, l’edificio destinato solo alla procura della repubblica; il palazzo di giustizia in piazza De Nicola l’edificio destinato solo alla giustizia civile (compresi i giudici di pace); l’ex tribunale militare in via San Francesco D’Assisi, l’immobile dove ospitare la giustizia minorile.

“In poche centinaia di metri – spiegano i consiglieri – sarebbe concentrata pertanto l’edilizia giudiziaria barese, senza necessità di trasferimenti logistici e di neo cittadelle che dapaupererebbero il tessuto economico e sociale di un quartiere oggi difficile (Libertà) e che necessiterebbero per realizzarsi, non meno di 10/12 anni, basti pensare dopo oltre 18 mesi dai primi annunci, al momento non v’è neppure uno straccio di studio di fattibilità”.

I consiglieri chiedono quindi ai Ministeri della Giustizia e delle Infrastrutture che (in attesa delle cittadelle) si spendano subito i quasi 5 milioni di euro già esistenti per la manutenzione ordinaria e straordinaria del Tribunale Civile di Bari di piazza De Nicola; si acquisisca e ristrutturi l’ex Tribunale Militare, anche con i fondi del decreto Mezzogiorno (L.123/2017 art.11 quater); si proceda immediatamente alla costruzione del secondo palazzo di giustizia in corso della Carboneria che “stante l’esistenza della progettazione completa – spiegano –  in 3 anni può essere realizzato”.

I consiglieri chiedono inoltre al ministro copia dell’accordo stipulato il 18 ottobre con il sindaco Antonio Decaro con indicazioni sui tempi e sulle disponibilità dei 30 milioni di euro anmunciati. “Infatti l’art.11 quater del decreto-legge 123/2017  – continuano i consiglieri – testualmente dispone che per l’anno 2017 e 2018 è autorizzata la spesa di 20 e 30 milioni di euro per il sistema giudiziario del Mezzogiorno da destinare a interventi urgenti connessi alla progettazione, ristrutturazione, ampliamento e messa in sicurezza delle strutture giudiziarie ubicate in Campania, Puglia, Calabria, Sicilia. Sicchè, pur ipotizzando che dette risorse possano essere destinate solo a Bari, in alcun modo la legge autorizza la spesa stanziata per la costruzione/realizzazione ex novo di strutture giudiziarie nelle regioni sopra indicate”. Nei prossimi giorni partirà un sondaggio con il  quale sarà chiesto ai cittadini se preferiscono l’ipotesi arcipelago o casermette.

aqpfacile.it
progettoimmobiliaresrl.com
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here