“Ancora una volta i diritti vengono violati, nonostante la denuncia del Garante dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, Ludovico Abbaticchio, in merito ai rischi della mancata applicazione della legge 194/78, la proposta di legge regionale pugliese per l’attuazione della suddetta legge – presentata da Sinistra Italiana – è stata affossata in commissione sanità del Consiglio Regionale”. La denuncia è degli studenti della Rete della Conoscenza che oggi hanno affisso striscioni e protestato al Policlinico.
“La Regione Puglia conta solo 23 medici ginecologi non obiettori – continuano –  a questo scarso numero si aggiunge l’inadeguatezza dei consultori e la quasi totale assenza di educazione sessuale nelle scuole. Un sistema così precario, senza misure e fondi mirati, non può sicuramente garantire né l’accesso all’aborto né la prevenzione delle gravidanze indesiderate e delle malattie sessualmente trasmissibili (anche esse in spaventoso aumento nella nostra regione). Eppure il Pd, il centrodestra e il Movimento 5 Stelle hanno preferito ignorare questa privazione di tutele dei diritti delle donne e di tutti”.
“L’attuale società sia economicamente che culturalmente produce ancora esclusioni di genere – dichiara Sara Acquaviva, coordinatrice Rete della Conoscenza Puglia – la prevenzione di gravidanze indesiderate non dovrebbe essere esclusivamente un feticcio da utilizzare per cancellare un diritto, quale quello all’aborto, sulla pelle delle donne,  ma dovrebbe tradursi in concrete politiche sociali e sanitarie per tutti e tutte, a partire dai più giovani, con la distribuzione gratuita di contraccettivi, sempre più un bene di lusso, l’introduzione di programmi di educazione sessuale e all’affettività, un sistema di welfare e di diritto allo studio adeguato per gli studenti genitori”.
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.


caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here