Altamura, partita sospesa per malore a giocatore: il Gravina perde 3-0 a tavolino

Dopo il trasporto in ospedale di Gargiulo, solo la società Gravina Calcio avrebbe consegnato all'arbitro dichiarazione scritta con la quale manifestava l'indisponibilità a proseguire la gara

Domenica la grande paura, Giuseppe Gargiulo a terra privo di sensi, la corsa in ospedale, il primo rassicurante bollettino medico, i tifosi di Team Altamura e Gravina che intonano all’unisono il nome dello sfortunato atleta, mentre il derby della Murgia viene definitivamente sospeso al 25′ del primo tempo. Ieri l’amaro verdetto per i fan del Gravina: il giudice sportivo ha comminato al club gialloblu la sconfitta per 3-0 a tavolino. Il motivo? Dopo il trasporto in ospedale di Gargiulo, solo la società Gravina Calcio – preoccupata dalle condizioni del difensore – avrebbe consegnato all’arbitro dichiarazione scritta con la quale manifestava l’indisponibilità a proseguire la gara. Nessuna richiesta dal Team Altamura che, dunque, beneficia dei tre punti a tavolino, che consentono ai biancorossi di raggiungere la Cavese in testa al girone H della serie D.

“Il Giudice Sportivo – si legge sul comunicato ufficiale – considerato che la gara in oggetto è stata definitivamente sospesa dall’arbitro al 25° del primo tempo in seguito ad un violento scontro di gioco in cui il calciatore Gargiulo Giuseppe, schierato dal Gravina con la maglia n° 3, rimaneva privo di sensi dopo aver sbattuto con violenza il capo; rilevato che in seguito al trasporto in ospedale del summenzionato calciatore, la società Gravina calcio consegnava all’arbitro una dichiarazione scritta con la quale manifestava l’indisponibilità a proseguire la gara; visto l’art 53 comma 2 delle NOIF, delibera di comminare alla società Gravina la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0-3”.

Un esito prevedibile, visto che nelle ore successive il Team Altamura aveva diramato un comunicato ufficiale affermando la volontà di “attenersi alle decisioni della giustizia sportiva”.

Immediata è montata la polemica in rete, con i social media manager costretti agli straordinari per moderare i commenti sulle pagine Facebook dei due team. “Si invitano i gentili tifosi gialloblù a non commentare per il momento le decisioni del Giudice Sportivo in attesa di un comunicato stampa ufficiale che sarà più tardi diramato dalla società” è il messaggio apparso su Football Club Gravina.

Da “Noi Ultras Gravina”, comunque, martedì era arrivato il totale appoggio alla decisione presa dalla squadra e dalla società dopo l’infortunio a Gargiulo. “La vita umana vale molto più dei tre punti che la contesa di gioco attribuisce”, hanno scritto i tifosi gialloblu in una nota, invitando ad accettare con serenità e maturità le imminenti decisioni del giudice sportive.

Fra i tifosi dell’Altamura, invece, c’è chi dice di non essere orgoglioso di questi tre punti e chi si chiede con quale animo avrebbero potuto tornare in campo i giocatori, se anche gli spettatori erano sconvolto e si è registrato addirittura un malore. Oggi il Gravina valuterà se presentare ricorso. E pensare che domenica sembrava avesse vinto solo lo sport.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.




LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here