Polemiche sulla riunione del comitato sicurezza che si è tenuta a Bari l’8 dicembre alla presenza del ministro dell’Interno Marco Minniti.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

Il commento del consigliere municipale Giuseppe Carrieri.

“Il ministro dell’interno Minniti è stato a Bari per affermare che la sicurezza urbana non ha bisogno di piú mezzi e piú uomini delle forze dell’ordine. Ma ha bisogno di politiche urbanistiche, buona illuminazione, interventi di arredo urbano. Contemporaneamente il sindaco di Bari ha annunciato gli esiti di un sondaggio tra i baresi sulla sicurezza. Il 60% dei cittadini dichiara (secondo questo sondaggio..) di sentirsi piuttosto sicuro a Bari e che i problemi sono piuttosto le deiezioni canine e i marciapiedi rotti. Al ministro Minniti si potrebbero dire tante cose, ma sarebbe inutile. Utilizzo le parole dei sindacati di polizia, che unitariamente hanno ricordato al ministro come a Bari l’apparato di sicurezza sia fortemente debilitato per mancanza di mezzi, uomini e risorse. Al sindaco di Bari sarebbe da dire invece: se Bari è una Città -come dice- sicura come mai da qualche anno è scortato dalla polizia 24 ore su 24? Come mai in alcuni quartieri di Bari la messa di Natale è anticipata al pomeriggio? Come mai i media riportano giornalmente decine di fatti delittuosi? Come mai Bari e l’area metropolitana sono prime in Italia per furti d’auto e rapine? Prendo atto, comunque, che per gli esponenti di governo nazionale e cittadino del partito democratico il problema della sicurezza urbana non esiste. È certamente un atteggiamento irresponsabile e oltremodo superficiale, che i Cittadini dovranno giudicare e valutare quando a breve si dovrà scegliere chi li governerà per i prossimi anni. Per parte mia ritengo la Città fortemente insicura, le forze di polizia in disarmo, i Cittadini abbandonati e indifesi. Questioni che solo irresponsabili risolvono proponendo di eliminare le cacche dei cani o riqualificando qualche immobili confiscato! E che -ribadisco- andrebbero trattate avendo ben presente la gravità del problema della sicurezza urbana e dell’ordine pubblico a Bari. Aggiungo -da ultimo- che i 15 mila euro “donati” dal Comune di Bari per la realizzazione del “concerto della legalità” al Petruzzelli la sera del 8 Dicembre, sarebbero molto serviti alle forze di polizia baresi per migliorare i propri equipaggiamenti e dotazioni di sicurezza. Invece sono stati sprecati, per mere finalità di propaganda politica da Minniti e Decaro”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here