Mentre un gruppo di cittadini, tra cui il presidente di Peacelink Alessandro Marescotti, l’attivista ambientale Fabio Millarte e le pediatre Annamaria Moschetti e Maria Grazia Parisi, lancia una raccolta firme per sostenere il ricorso al Tar del Comune di Taranto e della Regione Puglia contro il decreto del governo del 29 settembre 2017 “che – osservano i promotori – offre ad ArcelorMittal tempi lunghissimi per la messa a norma degli impianti dell’Ilva”, il premier italiano, Paolo Gentiloni, chiede a Michele Emiliano di ritirare il ricorso davanti al tribunale amministrativo.

“Penso – ha detto il presidente del Consiglio – che abbia ragione il governo e mi sono rivolto in modo istituzionale e rispettoso a Emiliano e al sindaco di Taranto. Confidavo nel Natale perché è cosa enorme con 14mila posti di lavoro e miliardi per le bonifiche. La mia richiesta, che rinnovo, è di ritirare il ricorso per evitare che la situazione arrivi a punti di crisi gravissimi in termini occupazionali e ambientali. Ma sono certo che troveremo una via d’uscita”.

A Taranto invece i cittadini chiedono a sindaco e governatore pugliese di andare avanti. La petizione online è chiamata #Stopaldecretoilva-Manda la tua firma al ministro Calenda. “Vivresti – è scritto nel documento da inviare al ministro dello Sviluppo Economico – in una città dove chi inquina è difeso da uno scudo penale? Noi cittadini sosteniamo il ricorso al Tar presentato dal Comune di Taranto e dalla Regione Puglia. Il nostro è un appello civico privo di ogni coloritura politica. Mira solo a contrastare l’inaudito tentativo del Governo di garantire fino al 2023 l’immunità penale di chi gestirà l’Ilva”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here