Sono stati revocati gli arresti domiciliari per la cancelliera della Procura di Bari, Teresa Antonicelli, e per l’imprenditore Antonio Lecce, coinvolti nella vicenda relativa alle presunte tangenti in cambio di varianti agli appalti su case popolari e alloggi universitari.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità Storia d'Italia

L’indagine il 5 dicembre scorso aveva portato all’arresto dell’ex direttore generale di Arca Puglia, Sabino Lupelli, e di altre quattro persone (due imprenditori, la cancelliera e un avvocato barese) e all’interdizione di un altro imprenditore, Dante Mazzitelli. A quest’ultimo nei giorni scorsi il giudice ha ridotto la misura interdittiva da un anno a un mese. Il gip Giulia Romanazzi ha revocato la misura cautelare per Lecce e per la cancelliera, sostituendo nei loro confronti la detenzione domiciliare con l’interdizione, mentre restano ai domiciliari Lupelli, l’imprenditore Massimo Manchisi e l’avvocato Fabio Mesto.

Stando alle indagini della guardia di finanza, coordinate dal pm Savina Toscani, gli imprenditori avrebbero corrotto l’allora direttore generale con denaro, buoni benzina e altre utilità in cambio di pratiche favorevoli. Quando Lupelli seppe dell’indagine a suo carico, avrebbe poi tentato di ottenere informazioni, tramite il suo legale, dalla cancelliera Antonicelli promettendole in cambio una casa popolare più grande.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here