C’era anche un ragazzino di 14 anni questa notte tra i feriti per i botti al Policlinico di Bari. L’ordinanza del sindaco che vietava i fuochi dal 22 dicembre non è stata rispettata. E in diversi quartieri si è scatenata la guerra dei botti. Al policlinico è arrivato un ragazzino con entrambe le mani ferite. Tra le urgenze anche una donna con fratture e un uomo con ustioni sul tronco e sul viso, con lesioni serie agli occhi.

A migliaia hanno partecipato invece alla festa in piazza: decine le bottiglie in vetro sequestrate (con un’altra ordinanza era stato imposto il divieto alla vendita e al consumo di bottiglie in vetro) e lunghe file per accedere alla piazza a causa dei controlli all’ingresso.

La festa in piazza è andata avanti per ore. Mengoni è salito sul palco, presentando i suoi successi. Poi all’1 e 20 è stata la volta del dj set di Gabry Ponte.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

1 COMMENTO

  1. Niente… La gente, NON lo vuole capire … Capodanno, NON si festeggia con i botti! Che siamo, in guerra??? Io, sono da SEMPRE stato contro ai botti! Al posto di spendere miliardi di euro per i botti, se ad ogni fine anno si donassero personalmente ERGO: PERSONALMENTE in beneficenza, si farebbe del bene anzichè del male a se stessi ed al prossimo!

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here