Potenziati i controlli dei carabinieri ad Andria durante la fiera di Aprile.  Complessivamente 20 sono stati  gli uomini dell’Arma in servizio, 80 le persone identificate, 70 le autovetture controllate; 10 le contravvenzioni per violazioni al codice della strada. Intensificata anche l’attenzione su persone pregiudicate, in particolare su quelle sottoposte al regime degli arresti domiciliari ed alla sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza.

I controlli nel centro storico andriese hanno consentito ai militari di trarre in arresto, su ordine del Tribunale di Trani, tre pluripregiudicati del luogo: un 61enne, pluripregiudicato, riconosciuto colpevole del reato di truffa in concorso e, per tale motivo, dovrà espiare la pena di 2 mesi di reclusione; un 53enne, dichiarato colpevole del reato di ricettazione,  per cui dovrà scontare la pena di 4 mesi reclusione; un 52enne, dichiarato colpevole di guida in stato di ebbrezza e condannato alla pena di 4 mesi di reclusione. Su ordine della Corte d’Appello di Bari, invece, è stato arrestato e tradotto presso la Casa Circondariale di Trani un 36enne andriese, il quale dove dovrà espiare la pena di quasi due anni di reclusione per rapina e sequestro di persona.

Sul fronte del contrasto agli stupefacenti, le gazzelle dell’Aliquota Radiomobile hanno individuato e deferito in stato di libertà due pregiudicati, un 39enne ed un 33enne di Andria, trovati in possesso, a seguito di perquisizioni veicolari,  di un modico quantitativo di hashish e di marijuana.  Quindici le persone, appartenenti alla fascia di età compresa tra i 17 ed i 30 anni, sorprese nell’atto di consumare o detenere modici quantitativi di sostanze stupefacenti, tutte segnalate alla Prefettura di Barletta-Andria-Trani quali assuntori di sostanze stupefacenti. Complessivamente sono stati sequestrati  10 grammi di marijuana, 20 grammi di hashish, nonché modici quantitativi di eroina.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here