Cabtutela.it
Aproli

Più treni e bus nel Salento e nella Valle d’Itria quest’estate. La nuova offerta di Ferrovie del Sud Est partirà lunedì 18 giugno e sarà valida fino a domenica 9 settembre. Tra le novità di quest’anno otto treni no stop Lecce – Maglie – Otranto (tempo di percorrenza un’ora e dieci minuti) e sette treni no stop Lecce – Zollino – Nardò – Gallipoli (tempo di percorrenza un’ora e venti minuti), in servizio dal lunedì al sabato.

Quest’estate la città di Gallipoli avrà un servizio metropolitano pari a 76 corse al giorno Gallipoli – Baia Verde, attivo tutti i giorni, da lunedì a domenica, con treni ogni venti minuti, dalle 8.00 alle 14.00 e dalle 16.00 alle 22.00. Previsti tutti i giorni anche otto collegamenti veloci in bus, in connessione con i treni a lunga percorrenza da e per Bari, tra Bari, Alberobello, Locorotondo, Cisternino e Martina Franca (tempi di viaggio compresi tra un’ora per Alberobello e un’ora e quaranta minuti per Martina Franca).

Sul versante adriatico, dal lunedì al sabato, ci saranno venti collegamenti in bus con fermate intermedie tra Maglie e Otranto e la domenica sei corse bus no stop Maglie –Otranto. Sul versante jonico, dal lunedì al sabato, ci saranno sedici collegamenti in bus con fermate intermedie tra Gallipoli e Casarano.

Sarà possibile acquistare un biglietto integrato (Frecce, InterCity e treni regionali di Trenitalia + treni e bus FSE) attraverso i canali di vendita fseonline.it e trenitalia.com, le agenzie di viaggio e le biglietterie. Da fine maggio la rete di vendita dei biglietti FSE è diventata più capillare: i titoli di viaggio sono acquistabili, oltre che nelle biglietterie e emettitrici automatiche di Trenitalia, anche presso le ricevitorie Lottomatica, SISAL e presso le tabaccherie. Gli orari dell’offerta estiva sono consultabili sui siti web fseonline.it e trenitalia.com. e nelle bacheche delle stazioni.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui