Cabtutela.it
acipocket.it
ferrovieappulolucane.it

Si è reso responsabile di almeno due rapine, nel mese di gennaio di quest’anno, entrambe a Molfetta. La prima  in danno di una malcapitata commerciante, la seconda aveva visto come vittima un giovane, costretto a prelevare denaro contante da un bancomat per consegnarlo al rapinatore. In manette un 33enne di Molfetta, già conosciuto alle forze dell’ordine: l’uomo è stato arrestato a Rimini dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Molfetta, coadiuvati dai colleghi della locale Compagnia. Si era trasferito da poco tempo in Emilia Romagna per cercare lavoro.

I fatti

Le indagini avviate dai Carabinieri, effettuate anche grazie all’analisi dei sistemi di videosorveglianza, hanno consentito di individuare l’autore di una  rapina perpetrata a gennaio, in danno di un ristorante del centro cittadino, quando un giovane, a volto scoperto, aveva dietro la minaccia di una pistola, celata nella cintola, costretto la cassiera e la proprietaria a consegnare un magro bottino: 20 euro. Pochi giorni e il rapinatore era tornato a colpire, prendendo di mira un appartamento ove si stava per svolgere una festa privata. Sempre celando una  pistola, aveva minacciato di morte il proprietario dell’immobile e, dopo essersi fatto consegnare il denaro contenuto nel portafoglio, lo aveva costretto a recarsi presso il più vicino sportello bancomat per effettuare un prelievo di 250 euro.

Il tutto era stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza dell’istituto di credito. Passate poche ore, e su indicazione della vittima e di alcuni testimoni il giovane rapinatore era stato bloccato per strada, con ancora addosso parte del bottino, che veniva recuperato e restituito al proprietario. Dalla visione delle telecamere, acquisite nel primo episodio, è stato possibile verificare che l’autore del reato era lo stesso del secondo evento e, quindi,  gli investigatori sono riusciti a dare un nome al rapinatore seriale, che si suppone abbia compiuto altri reati del genere. L’Autorità Giudiziaria di Trani, analizzate le ricostruzioni investigative, ha emesso un’ ordinanza di custodia cautelare a carico del rapinatore, ritenendolo colpevole delle due rapine, aggravate nel secondo episodio dal fatto  che si era introdotto all’interno di una abitazione privata e in seguito per  aver commesso il fatto nei confronti di persona che aveva appena fruito dei servizi di sportelli automatici adibiti al prelievo di denaro.

Accertamenti, condotti unitamente ai militari di Rimini, hanno quindi consentito di individuare il 33 enne molfettese  in un albergo della cittadina romagnola, ove lo stesso si era trasferito da pochi giorni per la stagione estiva.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui