Cabtutela.it
acipocket.it

Via Eraclide come una discarica. Ovviamente abusiva. Stendibiancheria, sedie, mobili smontati e addirittura un motorini. Rifiuti ingombranti che, da giorni, attendono la rimozione, sulla parallela di via Magna Grecia a Bari Japigia. Lo segnalano i Giovani di Forza Italia, raccogliendo le numerose segnalazioni dei residenti “per la presenza di rifiuti ingombranti lasciati fuori dai cassonetti di plastica, carta e inorganico ed ignorati per giorni dal servizio di nettezza urbana, nonostante questi passino per la raccolta quotidianamente”.

La tirata d’orecchie è duplice. “Ai cittadini va ricordato che in caso di rilascio, vicino ai cassonetti, di rifiuti come mobili e oggetti ingombranti, tranne apparecchiature elettriche – scrive Danilo Cancellaro, coordinatore cittadino di Forza Italia Giovani Bari – è loro diritto usufruire del servizio di Prelievo Rifiuti Ingombranti, completamente gratuito, disposto dal Comune di Bari chiamando il numero verde 800 011558 oppure utilizzando il nuovo servizio di prenotazione online presente sul sito di Amiu. Invece, agli operatori dell’Amiu va ricordato che in caso di ritrovamento di rifiuti ingombranti, inadatti ad essere trasportati dagli automezzi che svuotano i cassonetti, è loro dovere comunicare internamente la situazione al fine di organizzare il lavoro di recupero e smaltimento per risolvere celermente il problema”.
“Va ricordato a tutti che ogni tipo di rifiuto lasciato fuori dai regolari contenitori e cassonetti è un potenziale pericolo e fattore di inquinamento per il nostri bambini, per il nostro territorio, per il nostro ambiente – conclude  Cancellaro – ed è assurdo che ormai in questa città si possa fare davvero tutto, ivi compreso smaltire e abbandonare una vecchia moto vicino a dei cassonetti. Possibile che non si sia accorto di nulla nessuno? Auspichiamo in un immediata pulizia della zona”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui