Cabtutela.it
acipocket.it
aqp.it

Molfetta con la banchina San Domenico sul lungomare e il concerto dei Jethro Tull il 17 luglio e quello di Pat Matheny il 22 all’Anfiteatro di Ponente. Gli appuntamenti del Locus Festival a Locorotondo. L’ormai tradizionale Notte della Taranta di Melpignano, il Festival della Valle d’Itria di Martina Franca, il Cinzella di Grottaglie e quello folk di Carpino. La Puglia d’estate indossa l’abito più bello e, tra mare, spiagge, cibo, cave divenuti palchi e splendidi centri storici, si trasforma in un teatro a cielo aperto, ricco, da Nord a Sud, di appuntamenti con la musica per tutti i gusti.

Ma non mancano teatro, letteratura, puro divertimento, sagre e manifestazioni che accompagnano i giorni caldi della bella stagione, come il Festival dei Sensi tra i borghi più suggestivi della Valle d’Itria. Pugliesi, visitatori, turisti, viandanti e persone fuorisede non possono far altro che apprezzare e godere dell’offerta, ricca anche di feste patronali e appuntamenti gastronomici. Metheny torna in Italia e sbarca a Molfetta con il suo nuovo quartetto, composto dall’amico Antonio Sanchez alla batteria, la giovane Linda Oh Sun al contrabbasso e Gwilym Simcock al pianoforte. Ian Anderson, invece, compirà un viaggio lungo i 50 anni dei Jethro Tull per celebrare l’anniversario d’oro della leggenda del rock-progressive. Nomi d’avanguardia per il Locus di Locorotondo (7 luglio – 11 agosto), che tende sempre ad aprire nuovi orizzonti oltre i confini conosciuti ai più. I suoi concerti (quest’anno il festival è articolato e arricchito da una serie di incontri per raccontare gli intrecci tra culture e discipline artistiche differenti), partono il 7 luglio con la nuova scena americana, in esclusiva italiana di R+R=Now, gruppo composto da Robert Glasper, Terrace Martyn, Christian Scott, Derrick Hodge, Justin Tyson e Taylor McFerrin.

A loro si aggiunge l’appuntamento con l’artista afroamericano del momento, Moses Sumney (3 agosto, ingresso libero), e col californiano d’adozione ma artista riconosciuto della scena Brasiliana, Rodrigo Amarante (27 luglio, ingresso libero), divenuto celebre per il tema musicale della serie Tv Narcos. Ma oltre ai grandi nomi della scena internazionale, ecco in programma le date con gli italiani Ghemon, Cosmo, Basustelle e Diodato (http://www.locusfestival.it).

Diretti dal nuovo maestro concertatore, le voci di Enza Pagliara, Alessia Tondo, Ninfa Giannuzzi, Stefania Morciano, Alessandra Caiulo, Antonio Castrignanò, Giancarlo Paglialunga, Antonio Amato, i tamburelli di Carlo De Pascali, Roberto Chiga, Marco Garrapa e gli altri musicisti, il 25 agosto daranno vita, invece, al grande concertone della Notte della Taranta di Melpignano (l’appuntamento conosce quest’anno la sua 21esima edizione). E’ uno degli eventi più attesi dell’estate pugliese. Attrae ogni anno all’incirca 150 mila persone, in gran parte turisti in vacanza in Salento e nel resto della regione, pronti a ballare al ritmo delle terzine delle antiche pizziche e tarantelle rivisitate dalla grande orchestra del Festival. La data del 25 agosto arriverà al culmine di tappe quotidiane per i centri del Salento, a cominciare da quella di Sternatia del 2 agosto (informazioni al https://www.lanottedellataranta.it/it/news/tutte-le-news/item/639-programma-festival-2018-tutte-le-tappe).

Per chi vorrà invece godere spazi differenti, la vicina Otranto offre la possibilità di ammirare ne Castello Aragonese la grande mostra ‘900 in Italia. Da De Chirico a Fontana: nelle sale sono esposte oltre 40 opere, alcune delle quali inedite Renato Guttuso, Mario Schifano, Mimmo Rotella, Jannis Kounellis, Fausto Melotti, Achille Perilli e Michelangelo Pistoletto. Un aiuto per seguire l’agenda giornaliera sul da farsi in Puglia questa estate è dato dal portale web  https://www.puglia.com/eventi-puglia/, con il quale è possibile orientarsi di giorno in giorno sul da farsi  a seconda dei luoghi e dei propri gusti.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

ConfagricolturaBari
CattolicaBari

LASCIA UN COMMENTO:

Scrivi il tuo commento
Il tuo nome qui