“Come avevamo promesso doneremo oltre 255.000 euro accumulati dal taglio dei nostri stipendi a 27 istituti scolastici pugliesi per finanziare altrettanti progetti risultati tra i più votati dagli iscritti sulla piattaforma Rousseau”. Lo dichiarano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Puglia, Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi, all’indomani delle votazioni su Rousseau dei progetti presentati dagli istituti pugliesi nell’ambito dell’iniziativa “FacciamoScuola” lanciata dal Movimento 5 Stelle a livello nazionale attraverso il quale i consiglieri regionali M5S di 9 regioni italiane hanno messo a disposizione oltre un milione di euro per gli istituti scolastici secondari territoriali con finanziamenti di massimo 10.000€ per progetto.

L\'articolo continua sotto alla pubblicità

“Con il primo Restitution Day – dichiarano i consiglieri cinquestelle – abbiamo destinato 132.790€ alla sanità pugliese e ai più piccoli per acquistare sale cinema, macchinari e attrezzature donate ai reparti di pediatria di ospedali e strutture sanitarie pugliesi. In questa seconda occasione abbiamo voluto rivolgere nuovamente la nostra attenzione ai più giovani e ad un altro settore fondamentale per la crescita dei nostri figli: la scuola”

I cinquestelle proseguono elencando alcuni dei progetti più votati che riceveranno il finanziamento: si va dalla realizzazione di un orto didattico per aiutare i ragazzi diversamente abili in un istituto di Foggia, al finanziamento di 4 progetti che permetteranno di abbattere le barriere architettoniche in altrettanti istituti pugliesi. Particolarmente interessanti anche i progetti che riguardano le nuove tecnologie: verranno finanziati, ad esempio, l’acquisto di un particolare robot per aiutare gli studenti autistici di un istituto del brindisino o per realizzare un laboratorio di robotica educativa in due istituti del leccese e del barese; 5 tra i progetti più votati, presentati soprattutto da istituti tarantini, prevedono invece l’acquisto di LIM, tablet e attrezzature informatiche per realizzare delle “aule 3.0” e dei laboratori digitali. Senza contare il finanziamento di progetti legati al mondo dello sport: si va dall’acquisto di attrezzature sportive per le palestre, defibrillatori, al cofinanziamento per l’acquisto di un pulmino per partecipare a manifestazioni sportive nel leccese fino all’acquisto di attrezzature sportive per promuovere una manifestazione interscolastica di “Baskin” (pallacanestro su carrozzella praticabile da diversamente abili e normodotati) nel tarantino. Verranno finanziati anche progetti che spaziano nei più diversi ambiti didattici legati alle tradizioni locali: nella BAT ad esempio un istituto potrà acquistare attrezzature per potenziare un laboratorio di enogastronomia ed ospitalità alberghiera mentre in una scuola del barese verrà acquistato un forno per realizzare un laboratorio di ceramica. Senza contare progetti sperimentali come quello proposto da un istituto della provincia di Foggia che prevede di analizzare il territorio con l’aiuto di esperti, per contrastare il serio problema della dispersione scolastica.

“Per il momento – proseguono i cinquestelle – potremo finanziare 27 progetti (cercheremo di aumentare l’importo della donazione per provare a finanziarne 28) più votati dagli iscritti, ma visto il grande successo dell’iniziativa, la solidità dei progetti presentati e le necessità delle scuole, non escludiamo di poterla replicare. Dal canto nostro – concludono – ci auguriamo che in Puglia tutta la politica regionale possa imitare questo piccolo gesto anche solo per dare, anche nella nostra regione, un vero segnale di cambiamento e di vicinanza delle istituzioni regionali al mondo della scuola, alle nostre famiglie e ai nostri ragazzi”.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here