Porta aperta per il ritorno di Franco Brienza, rivedere Gillet a Bari è, invece, da escludere, solo un ripescaggio in C potrebbe aprire a questa possibilità. Sono due elementi emersi dalla conferenza stampa “fiume” di Aurelio De Laurentiis, patron della SSC Bari.

Oggi c’è stata la presentazione del nuovo club e qualche dettaglio è emerso: confermato che l’allenatore sarà Giovanni Cornacchini, sia che si giochi in D sia in caso di eventuale ripescaggio in C. Il presidente del club sarà Luigi De Laurentiis, figlio maggiore di Aurelio che sarà presidente onorario assieme ad Edoardo, secondo genito.

Lo staff 

Detto di Cornacchini allenatore, adesso guardiamo chi ricoprirà gli altri ruoli dirigenziali: Gianni Picaro è il team manager; Matteo Scala il direttore sportivo con più ampi poteri per quanto riguarda la gestione sportiva (sino ad oggi ha affiancato Giuseppe Pompilio che, però, adesso tornerà nel suo ruolo dirigenziale al Napoli); Davide Teti è il segretario sportivo, il responsabile delle pubbliche relazioni è Antonello Ippedico. Il responsabile del settore giovanile non è ancora ufficiale ma dovrebbe essere Filippo Galli.

La squadra

Ancora top secret i nomi dei calciatori che comporranno la rosa, per motivi burocratici (la SSC Bari è al momento iscritta in sovrannumero al campionato di D) per il club non è possibile ancora tesserare. Però, qualche nome è emerso: Pompilio ha aperto ad un possibile ritorno di Brienza, mentre ha chiuso la porta a Gillet (“Se giocheremo in serie D – ha spiegato – il portiere sarà under”). La squadra continuerà ad allenarsi a Roma almeno sino a fine agosto, poi ci sarà il rientro a Bari.

Gli abbonamenti

Aurelio De Laurentiis ha anche annunciato i prezzi degli abbonamenti: 90 euro per le Curve (non sono previsti ridotti per donne o bambini), 120 Tribuna Est, 150 Tribuna Ovest, 250 Tribuna d’onore, 3 euro ticket parcheggio. La campagna abbonamenti partirà dal 31 agosto o dal primo settembre.

Il nuovo logo e le maglie

Le maglie saranno prodotte da Kappa e saranno semplici: rossa la prima, bianca e nera la terza maglia. Per quanto riguarda il logo, sicuramente riprodurrà lo storico galletto.

I commenti

“Il club deve arrivare in A il più rapidamente possibile”, ha detto Aurelio De Laurentiis. “Obiettivo serie C? Non abbiamo mollato nulla – ha spiegato – e rispettosamente assistiamo a questa ricomposizione di un calcio disgregato: la Figc è commissariata, ci sono situazioni in fieri. Non sappiamo se la B sarà da 19 o 22 e, di conseguenza, tutto quello che verrà. Non tiriamo la giacchetta a nessuno”. Sull’inizio della stagione il patron ha aggiunto: “Un uccellino mi ha detto che non si parte (la serie D) il 2 ma il 15”.

“Ero a Londra, seguivo progetti cinematografici internazionali ed è arrivata questa bellissima opportunità. In un’ora ho deciso di accettare questa presidenza del Bari, eccellenza italiana. Bisogna internazionalizzarla per farla arrivare a livelli più alti”: così Luigi De Laurentiis, neo presidente del Bari calcio, ha illustrato la sua missione, dopo aver in mattinata visitato insieme al padre Aurelio e al sindaco Antonio Decaro lo stadio San Nicola. “Verrò a vivere qui per un pò di tempo e seguirò da vicino: Bari è una città che ho visitato più volte e ho sempre amato”, ha aggiunto.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

3 COMMENTI

  1. Quindi la serie D ricomincia il 15 settembre, come la scuola. E allora è utile allenarsi…a risolvere i problemi. Problemino 1: Giancaspro potrebbe risolvere in Tribunale i problemi societari. E allora che si fa? Ci saranno due squadre? Fateci sapere la soluzione.
    Problemino 2: in serie A con De Laurentis non ci possiamo andare perché non ci possono essere 2 squadre di uno stesso proprietario che si agevolano a vicenda saldando il campionato. Che si fa? Problemino 3: De Laurentis sta facendo pari pari quello che fece col Napoli nel 2004. Acquisto a prezzi di fallimento. Nessuno ha nulla da dire?

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here