È partito quello che potremmo chiamare un progetto pilota che ha l’obiettivo di dimostrare ai cittadini i vantaggi di rivolgersi al Web per la richiesta di prestiti personali. Esattamente come è successo per il settore delle assicurazioni, infatti, lo spostamento dell’attenzione dai canali offline verso quelli online, può portare ad un risparmio notevole per l’intero settore del credito al consumo.

L’iniziativa, disponibile solo in Italia, Germania e pochissimi altri paesi europei, è decisamente rivoluzionaria, in quanto propone prestiti personali a tasso negativo, che permettono al cliente di restituire meno di quanto gli viene erogato.

Il prestito, personale e non finalizzato, viene erogato da Younited Credit, la piattaforma digitale di prestiti leader in Europa del social lending, ossia il prestito fra privati, ed è disponibile per un periodo limitato; l’importo richiedibile è di 1.000 euro, con restituzione in 24 mesi.

Facendo i conti risulta che a fronte di 1.000 euro disponibili, se ne restituiscono 989, in quanto il tasso è attualmente del -1%. L’obiettivo è, però, quello di far scendere ulteriormente i tassi, attraverso un’adesione massiccia da parte dell’utenza. Se si considera, comunque, che l’anno scorso sono stati erogati 22 miliardi di euro ai consumatori italiani, si può preventivare in una forbice compresa tra i 300 e i 500 milioni l’entità del risparmio potenziale, se il prestito a tasso negativo dovesse diventare una realtà consolidata.

Attenzione, però, perché c’è tempo solo fino al 30 novembre, anche se le previsioni sono molto ottimistiche, visto che in poco più di una settimana, l’iniziativa è partita il 22 ottobre, le richieste sono state moltissime. Sembra addirittura che ne arrivi una ogni due minuti e che solo dopo cinque ore sia stato erogato il primo finanziamento..

Potranno fare domanda lavoratori dipendenti e no, liberi professionisti e pensionati, purché con posizione finanziaria solida e reputazione creditizia immacolata.

Ovviamente si tratta di una proposta limitata, sia nel tempo sia per l’importo richiedibile, è ha più una funzione di indagine sperimentale che di vero e proprio sostegno alle famiglie, le quali stanno dimostrando un interesse sempre maggiore per prestiti personali e finanziamenti finalizzati.

I maggiori centri di ricerca, infatti, sono concordi nel segnalare una decisa impennata delle richieste nel corso del 2017, incremento più che confermato nel corso dei primi tre trimestri di quest’anno.

I prestiti maggiormente richiesti continuano ad essere i prestiti INPS (info e dettagli su http://www.calcoloprestito.org/guida/inps), tra cessioni del quinto e finanziamenti agevolati rivolti a lavoratori dipendenti e pensionati, grazie ai quali, però, si ha accesso a cifre completamente diverse. Basta dire che nel corso del 2017 l’importo medio richiesto è stato di 15.700 euro, numeri che dimostrano quanto i 1.000 euro proposti dal prestiti a tasso negativo siano pochi per soddisfare le esigenze dei richiedenti.

Apprezzabile comunque, e soprattutto meritevole di attenzione, l’iniziativa di Younited Credit perché promuovere le opportunità offerte dal Web potrebbe portare ad un calo dei tassi di cui potrebbero godere anche i clienti più affezionati ai prestiti tradizionali.

 

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
SEI UN UTENTE PROFESSIONAL?
SCOPRI LE OFFERTE VODAFONE SU MISURA PER TE
La compilazione del form autorizza il trattamento dei dati inseriti per finalità di contatto commerciale (Regolamento (UE) 2016/679)
TEL. P.I.

caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here