Migliaia di persone hanno partecipato alla festa in piazza, applaudendo ai 15 artisti che si somo intervallati sul mega palco.

Il programma

A partire dalle ore 21.00 si sono avvicendati sul palco artisti, musicisti e interpreti che hanno fatto la storia della canzone italiana insieme ad altri che negli ultimi anni hanno riempito i palazzetti e dominato le classifiche di vendita. I nomi sono tutti di primissimo piano: Annalisa, Benji & Fede, Luca Carboni, Elodie, Riccardo Fogli e Roby Facchinetti, Irama, Junior Cally, Elettra Lamborghini, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Gue Pequeno, Ron, Fabio Rovazzi, Tiromancino.

Dopo il successo riscontrato lo scorso anno, confermata al timone della serata la padrona di casa Federica Panicucci. Con lei, sul palco e nel backstage allestito nella straordinaria cornice del Teatro Piccinni che per l’occasione è stato mostrato in anteprima in tutta la sua magnificenza dopo il lungo restauro, Daniele Battaglia e Dario Spada di Radio 105, Chiara Tortorella e Silvia Notargiacomo di R101, Kay Rush e Stefano Gallarini di Radio Monte Carlo, Roberto Gentile e Leonardo Fabrizi di Radio Subasio e Alan Palmieri e Antonella Caramia di Radionorba. Dopo la mezzanotte il dj set di Max Brigante e l’energia del suo show Mamacita hanno fatto ballare la piazza a ritmo di reggaeton, hip-hop & trap e R’n’B.

Le misure anti terrorismo

L’area interessata dall’evento è stata sottoposta a controlli ferrei: per accedere c’erano i metal detector e per delimitare la zona pedonale sono state sistemate delle barriere anti tir. La polizia locale ha messo a disposizione della Questura un drone che ha dorvolato l’area interessata dall’evento durante il grande spettacolo.

I divieti

Stop ai botti e alla vendita di bottiglie in vetro e all’accesso nella zona del concerto con spray urticanti. A partire dalle ore 13 del giorno 31 dicembre fino alle 5 del 1° gennaio 2019, su corso Vittorio Emanuele, via Roberto da Bari – nel tratto compreso tra corso Vittorio Emanuele e via Piccinni – piazza Chiurlia e piazza Massari, si richiamano i divieti di somministrare e vendere per asporto, nonché detenere su area pubblica, e/o aperta al pubblico, bevande in bottiglie e/o contenitori in vetro, lattine di alluminio e/o bottiglie di plastica con tappo; di detenere spray urticanti (in genere utilizzati per difesa personale) o qualsivoglia dispositivo urticante e di compiere qualsiasi attività in contrasto con la sicurezza urbana e la conservazione e il decoro dei suddetti luoghi.

Per quanto riguarda lo stop ai botti, una seconda ordinanza prevede: il divieto, al di fuori degli spettacoli autorizzati dei professionisti, di utilizzo di ogni tipo di fuoco d’artificio, benché di libera vendita, in luogo pubblico e anche in luogo privato ove possano verificarsi ricadute degli effetti pirotecnici su luoghi pubblici o su luoghi privati appartenenti a terzi non consenzienti, nel corso della notte tra il 31 dicembre 2018 ed il 1° gennaio 2019, a partire dalle ore 20.00 del 31 dicembre 2018 e fino alle ore 7.00 del giorno successivo; il divieto di utilizzo di fuochi pirotecnici, non posti in libera vendita, nei luoghi privati, senza la licenza, nel corso della notte tra il 31 dicembre ed il 1° gennaio a partire dalle ore 20.00 del 31 dicembre 2018 e fino alle ore 7.00 del giorno successivo; il divieto di cedere gli articoli pirotecnici di categoria F3 e F4, definiti articoli pirotecnici di uso professionale e destinati all’uso da persone con conoscenze specialistiche, così come i prodotti pirotecnici del tipo “petardo” con limiti superiori a quelli previsti  (es.: cobra, lupo 26, black thunder, bomber 77 e similari). È vietato, inoltre, consentire a chicchessia l’uso di aree private quali finestre, balconi, lastrici solari, luci e vedute per effettuare spari vietati dalla citata ordinanza.

Tutti i dettagli sui parcheggi e le navette disponibili qui.

 

Bif&st 2019 Bari
© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here