La marineria pugliese è in crisi e chiede aiuto alla Regione perchè solleciti al Governo più attenzione, anche in sede europea, sulla complessità delle norme che regolano l’attività e che spesso sono difficili da rispettare e le pesanti ricadute sanzionatorie sulla categoria.

I pescatori che sono mobilitati da oltre dieci giorni, con le loro rappresentanze di categoria hanno partecipato oggi ad un incontro nella sede dell’assessorato regionale alle Attività agricole, di caccia e pesca alla presenza dell’assessore competente, Leonardo Di Gioia, e del contrammiraglio Giuseppe Meli, direttore Marittimo di Puglia e Basilicata. Chiedono la modifica della legge 154/2016 che prevede sanzioni fino 150mila euro e il ritiro della licenza. Importi ritenuti esorbitanti che spesso determinano la chiusura del’attività. I pescatori ritengono inadeguate le norme che prevedono, ad esempio, l’obbligo di calare reti in mare di taglie non adatte ai nostri mari e alla maturità sessuale dei pesci.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here