La mobilitazione dei gilet arancioni, il simbolo sotto il quale si sono uniti gli olivicoltori appartenenti a Agci, Associazione frantoiani di Puglia, Cia, Confagricoltura, Confocooperative, Copagri, Italia olivicola, Legacoop, Movimento nazionale agricoltura, Unapol, Uci, si rafforza in questi giorni con i presidi permanenti nelle città e le assemblee preparatorie alla grande manifestazione che si terrà a Roma giovedì 14 febbraio.

In particolare, lunedì 11 febbraio in mattinata gli agricoltori presidieranno con i trattori i Comuni di Bitonto, Ruvo di Puglia e Corato con incontri ai quali parteciperanno anche i sindaci. Martedì 12 febbraio, invece, sarà la volta di Andria, Bisceglie e Terlizzi. «Le istituzioni devono darci delle risposte immediate e concrete e la mobilitazione proseguirà fino a quando non arriveranno gli interventi di cui l’olivicoltura necessita – ha dichiarato il portavoce dei gilet arancioni Onofrio Spagnoletti Zeuli – Gli agricoltori e gli olivicoltori hanno una dignità e meritano rispetto ed attenzione».

«Giovedì 14 febbraio, giorno di San Valentino, ribadiremo il nostro amore per la terra a Roma invitando parlamentari e Ministri ad assumersi le proprie responsabilità davanti a migliaia di persone, tra imprenditori agricoli e operai, messi in ginocchio da gelate, xylella, frodi e tanti problemi irrisolti», ha concluso Spagnoletti Zeuli.


© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here