Distribuire gratuitamente le merci invendute, cibo ancora buono che a fine mercato giornaliero andrebbe nella spazzatura. A Torino, il progetto Food Pride ha consentito di recuperare e distribuire in un anno oltre 70 tonnellate di prodotti alimentari grazie alla collaborazione di commercianti e venditori ambulanti.

Ieri una volontaria torinese ha partecipato alle attività di Avanzi Popolo tra le strade del quartiere Picone a Bari (in foto). Sono stati donati 38 kg di cibo a favore dello sportello Caritas della Parrocchia di San Francesco da Paola tra cui focacce, cornetti, frutta, verdura. Un contatto diretto tra due associazioni non profit che condividono la strategia alla lotta allo spreco: mobilità sostenile dei volontari che raggiungono i mercati e i negozi in bici o roller, sostegno alle fasce più povere della società soprattutto famiglie indigenti e homeless.

© RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE RISERVATA - Borderline24 Il giornale - Ti invitiamo a usare i bottoni di condivisione e a non copiare l'articolo.
caricamento...

1 COMMENTO

  1. Va bene, ma il principio che il cibo non deve essere sprecato ha un valore un po’ più ampio. Dovrebbe valere per tutti, come educazione e non ridursi alla distribuzione ai bisognosi nella convinzione che lo mangeranno tutto.

LASCIA UN COMMENTO:

Please enter your comment!
Please enter your name here